In visita nel Parco delle Madonie l’Associazione dei forestali del Carso di Slovenia

In visita nel Parco delle Madonie un gruppo di 22 persone dell’Associazione dei forestali del Carso della Repubblica di Slovenia, particolarmente interessati all’Abies nebrodensis.
Guidati dal maresciallo Damijana Ota dell’Associazione dei forestali del Carso e ricevuti a Petralia Sottana nella sede dell’Ente Parco dal Commissario straordinario -Caltagirone – i forestali accompagnati dal Direttore dell’Unità territoriale di Sežana dell’Ente per le foreste della Slovenia – dott. Boštjan Košiček – hanno mostrato il loro apprezzamento per il territorio e per le sue specificità botaniche, dove la diversità dell’endemismo in questa regione circoscritta della Sicilia, si accompagna alla ricerca del “particolare”.
A seguire, una breve presentazione del progetto LIFE nelle diverse fasi di attuazione. Dal progetto Life Natura di conservazione in situ ed ex situ prima, al successivo LIFE4FIR, con l’obiettivo di aumentare la diversità genetica e migliorare lo stato di conservazione degli esemplari di Abies nebrodensis in grave pericolo, ormai diventati oggetto di studio per molte comunità scientifiche.
Il Commissario Caltagirone – ha poi così concluso – “la Slovenia, così come le Madonie è una terra ricca di vegetazione. Rendere consapevoli i giovani di possedere un così grande privilegio, nel disporre di “ricchezza verde” per farla preservare, è un traguardo da raggiungere. Abbiamo con i nostri parchi, legami comuni e, tra questi, una variegata biodiversità, l’appartenenza alla Rete europea di Aree Protette Natura 2000 e alla Rete mondiale dei Global Geopark UNESCO (UGG).
Sono certo che la vostra permanenza, sarà la testimonianza di un territorio che accoglie e incanta in tutte le stagioni dell’anno e per questo ringrazio il maresciallo Ota per aver organizzato e fortemente voluto questa visita nel Parco delle Madonie”.