La storia del sommergibile: le origini

Il sommergibile, un’innovazione straordinaria nel campo della navigazione, ha una storia ricca e affascinante che si snoda attraverso i secoli. Le sue origini risalgono a epoche lontane, quando l’umanità iniziò a sperimentare con il concetto di esplorare le profondità marine in modi mai visti prima. In questo articolo, esploreremo le prime fasi dello sviluppo del sommergibile ei pionieri che hanno gettato le basi per questa incredibile invenzione.

Le prime tracce:

L’idea di esplorare le acque sottomarine non è nata nell’era moderna, ma ha radici che si perdono nella notte dei tempi. Si dice che nel IV secolo aC, il filosofo e inventore greco Archimede abbia sviluppato un prototipo rudimentale di sommergibile. Tuttavia, i dettagli precisi di queste prime invenzioni sono spesso sfuggenti, e gran parte di ciò che sappiamo è basato su antiche leggende e racconti.

Il Rinascimento:

Durante il Rinascimento, un periodo di fervente interesse per l’innovazione scientifica e tecnologica, emersero nuovi esperimenti con il concetto di navigazione sottomarina. Nel 1578, il matematico inglese William Bourne scrisse un libro in cui descriveva un dispositivo subacqueo che poteva essere utilizzato per attaccare navi nemiche. Questa idea, sebbene non fosse mai stata realizzata, segnò un passo avanti nella concezione di veicoli subacquei.

Il XVII secolo:

Durante il XVII secolo, la Guerra dei Trent’anni vide l’impiego di dispositivi sommergibili a scopo bellico. Il pioniere olandese Cornelius Drebbel costruì un sommergibile di legno coperto da pelle di animale e lubrificato con grasso di maiale. Questo sommergibile fu testato con successo nel Tamigi a Londra nel 1620. Anche se il suo utilizzo pratico in guerra era limitato, Drebbel aveva dimostrato che era possibile realizzare dispositivi subacquei funzionanti.

Il XIX secolo e la rivoluzione industriale:

La vera svolta nella storia del sommergibile si verificò nel XIX secolo, durante la rivoluzione industriale. Nel 1800, il pioniere americano Robert Fulton costruì il suo “Nautilus”, un sommergibile alimentatore a mano che aveva una struttura di metallo. Tuttavia, fu David Bushnell, durante la Guerra d’Indipendenza Americana, a progettare il primo sommergibile militare conosciuto come “Tortoise”. Sebbene non abbia avuto un impatto significativo durante il conflitto, ha dimostrato che i sommergibili potevano essere una forza potenziale nei conflitti marittimi.

Il secolo XX e oltre:

Con l’avanzamento della tecnologia nel XX secolo, i sommergibili subito hanno una trasformazione radicale. Durante entrambe le guerre mondiali, i sommergibili diesel-elettrici dimostrarono la loro efficacia nella guerra sottomarina. Con il progredire della tecnologia nucleare, i sommergibili a propulsione nucleare divennero realtà, garantendo una capacità di immersione prolungata e maggiore autonomia.

Oggi, i sommergibili sono utilizzati per una vasta gamma di scopi, dalla difesa militare all’esplorazione scientifica delle profondità oceaniche. La loro storia, che inizia con gli esperimenti rudimentali dei pensatori antichi, ha portato a una forma di tecnologia che ha rivoluzionato la navigazione e l’esplorazione subacquea.

Torna in alto