Paolo Balsamo

260 anni fa nasceva a Termini Paolo Balsamo

Nato a Termini Imerese il 4 marzo 1764, Paolo Balsamo si erge come una figura di rilievo nella storia locale, lasciando un’impronta indelebile nella Sicilia del XIX secolo. Giovane talentuoso, vinse la cattedra di Agricoltura presso l’Accademia degli Studi, aprendo la strada a un percorso di viaggi e studi che avrebbe plasmato il suo pensiero innovativo.

Attraversando Italia, Francia e Inghilterra, Balsamo entrò in contatto con importanti figure dell’agricoltura, sfidando le politiche neomercantilistiche del tempo con una visione liberista. Il suo impegno per la trasformazione dei baroni in proprietari moderni e una politica economica liberale lo distinsero come un pioniere.

Nel 1812, incaricato di redigere la Costituzione Siciliana, Balsamo si rivelò anche un politico impegnato. Membro di accademie e deputato al Parlamento siciliano, le sue proposte per una politica fiscale innovativa contribuirono a delineare il futuro economico della regione.

Il 1812 segna un punto culminante, con la presentazione del suo progetto di Costituzione. La sua morte nel 1816 a Palermo non fermò il suo impatto duraturo. Le opere sull’agricoltura economica della Sicilia, tra cui “Principj di agricoltura e di vegetazione per gli agricoltori di Sicilia,” sono ancor oggi rilevanti.

A 260 anni dalla sua nascita, Paolo Balsamo continua a essere onorato a Termini Imerese con una strada e un circolo ricreativo a lui dedicati. Un abate, agronomo, economista e politico, la sua eredità persiste, testimone di un uomo il cui pensiero illuminato ha plasmato la storia di una Sicilia in evoluzione.

Torna in alto