Palermo: primi album di Elisa al Jail Club con la band Pipes & Flowers

I primi album di Elisa al Jail Club con la band Pipes & Flowers, mercoledì 9 novembre a Palermo. I sei componenti dei Pipes & Flowers, la band tributo alla cantante triestina Elisa, si esibiranno mercoledì 9 novembre al Jail Club di via delle Prigioni, 52 a Palermo di fronte al carcere Ucciardone. La band, nata nel 2009, prende il nome dal primo album pubblicato nel 1997 da Elisa, a cui il gruppo si ispira. Le fondatrici sono la cantante palermitana Claudia Sala e la chitarrista Sara Giammarresi. Oggi, completano il gruppo Aurelio Maggi, chitarra elettrica, Placido Amato al basso elettrico, Alessio Romeo, alle tastiere, Daniele Zimmardi, alla batteria ed il bassista Francesco Rubino. Ingresso libero dalle ore 20,00, posto a sedere garantito solo con prenotazione al numero 3347099425 con formula aperitivo rinforzato servito al tavolo e drink alcolico a scelta, costo 10 euro. È disponibile anche uno spazio all’esterno nel giardino d’inverno coperto. Dj set fino a notte con Gianni Guttuso.

Il concerto dei Pipes & Flowers al Jail Club, sarà un tributo al repertorio di Elisa, fedele allo stile dei primi album fino ai pezzi più recenti. La band offre al pubblico la possibilità di ascoltare la discografia rock dei primi anni con brani come Labyrinth o Cure me fino ai più elettronici No hero, L’Anima Vola, passando attraverso gli album di successo come Then Comes the Sun, Lotus e Pearl Days.

Chi sono i Pipes & Flowers: Claudia Sala, 27 anni di Palermo, ha iniziato a cantare all’età di 8 anni. Insegnate di professione ha alle spalle concerti negli Usa, collaborazioni con Elisa, Amii Stewart, Modena City Ramblers. Ha registrato un singolo, intitolato Oltre i suoi passi, insieme ai Sonohra, che è stato presentato all’Arena di Verona. Studia canto a Milano e sta lavorando al suo progetto come cantautrice. Sara Giammarresi suona la chitarra acustica, 30 anni di Palermo, da 5suona nei The Cliffs, irish music. Tra le esperienze più importanti la collaborazione con i Modena City Ramblers, come gruppo spalla. Aurelio Maggi è alla chitarra elettrica, mentre Placido Amato è al basso elettrico 32 anni di Messina, bassista session man e insegnate di basso elettrico di professione, diplomato in clarinetto al conservatorio Vincenzo Bellini di Catania. È attualmente il bassista della band latina Skruscio con la quale ha un’intensa attività concertistica. Ha studiato con Paolo Costa, bassista di Ramazzotti e Baglioni e Pino Saracini, bassista di Tiziano Ferro. E, ancora, Alessio Romeo, trentatré anni di Palermo è pianista e tastierista, compositore e arrangiatore, docente in diverse scuole di Palermo. Daniele Zimmardi alla batteria, ventisettenne palermitano, insegna all’accademia Erato. Per il concerto del Jail il bassista è Francesco Rubino ha frequentato la scuola di musica Palermo jazz e ha collaborato all’album dei Trinakrius “Seven Songs Of The Seven Sins”.