Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Erina: la voce polizzana che emoziona Cefalù e i suoi turisti
Cefalunews

Erina: la voce polizzana che emoziona Cefalù e i suoi turisti

Fa musica da sempre e la sua voce sprigiona emzioni a chi l’ascolta. Erina Lo Verde è nata in Germania a Bad Homburg (Francoforte). La sua vità è all’insegna della musica e del canto. «Ho iniziato a cantare perché a quattro anni, durante una ristrutturazione a casa dei miei, i muratori mi pregavano di fare il juke-box, cantando per intrattenerli durante i lavori. Da allora compresi e decisi che cantare sarebbe stata la cosa che avrei sempre fatto con piacere immenso». La persona che ha più aiutato Erina a crescere nel mondo della musica è stato suo padre. «Ha creduto subito in me, mi ha fatto studiare solfeggio e chitarra e mi ha comprato tutta l’attrezzatura per metter su il mio primo complesso musicale quando avevo solo dodici anni». L’emozione più grande è stata l’esibizione in diretta televisiva su rete 4 dal vivo con sessanta elementi d’orchestra. «La mia giornata è scandita in ogni momento dalla musica dal mattino quando mi alzo e assumo i preparati fitoterapici per tonificare le corde vocali. Al pomeriggio quando incontro i miei allievi di chitarra, alla sera, quando appena ho un attimo libero mi ritaglio un momento per ritirarmi in pace con la mia chitarra a suonare solo per me, a comporre, creare, sperimentare, emozionarmi, ricaricarmi».

Cefalù città della musica? «Cefalú è scolpita in maniera indelebile nel mio cuore perché mi ha permesso di lavorare in tanti complessi turistici, dandomi la possibilità di cantare ed emozionare turisti stranieri di ogni parte del mondo! Cefalù città della musica… sarebbe davvero la ciliegina sulla torta! Il connubio perfetto tra arte, cultura, paesaggio mozzafiato e possibilità, per il turista, di ascoltare ottima musica. Per Cefalù e il comprensorio madonita è importante scambiare emozioni, esperienze, progetti tra artisti davvero validi che incontrandosi, potrebbero ideare progetti ed eventi di grande spessore artistico per far crescere tutto il territorio».