Un grazie a Salvatore Piazza per la poesia sulla stazione

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo una lettera a firma di Pierpaolo Monteleone, figlio del capo stazione titolare della stazione di Lascari – Gratteri dal 1971 al 1990.

Con gioia e commozione, domenica 15 gennaio io e la mia famiglia abbiamo appreso e letto della pubblicazione, da parte vostra nella sezione “Madonie”, della poesia composta dal Prof. Salvatore Piazza “Addiu Stazioni”, omaggio alla struttura ferroviaria di Lascari, che presto verrà demolita definitivamente. L’emozione e l’orgoglio sono stati grandi, nel costatare, a circa 27 anni dall’entrata in quiescenza di nostro padre, Stefano Monteleone, capostazione Sup. Titolare dal 1971 fino all’agosto 1990, presso la stazione FS di Lascari – Gratteri  ed a poco più di 5 anni dalla sua scomparsa , quanto ancora l’operato ed il ricordo di nostro padre viva con tanto affetto nella comunità Lascarese; tanto da immortalare la sua figura in un ode che tramanderà ai posteri il ricordo di un Luogo che durante la sua esistenza è stato teatro di numerosi eventi, testimonianza di tanti momenti quotidiani, partenze ricche di promesse o nostalgici ritorni, incontri o separazioni, momenti belli o spiacevoli della comunità locale; una Stazione che ora il tempo e l’evoluzione Tecnologica cancellerà per sempre, relegandola al mondo dei ricordi. Considerando ciò, la famiglia Monteleone nelle persone della vedova Giovanna Schiavo, i figli Ornella e Pierpaolo, con i rispettivi coniugi, assieme ai nipoti Giuseppe, Stefano ed Aurelio, ringraziano sentitamente, il Prof Salvatore Piazza, che nella sua lirica ha saputo fissare con estremo realismo momenti ed emozioni realmente vissuti da un’intera comunità e da diverse generazioni. Infine un grazie di cuore viene da noi rivolto a tutta la comunità di Lascari e a tutto lo staff di Cefalunews che attraverso il web rende partecipe di quanto accade a Cefalù e nella comunità Madonita, quanti per diverse ragioni vivono altrove, ma che con piacere continuano a seguire i fatti quotidiani del territorio di origine. (Pierpaolo Monteleone)