Perito, la Nettuno e quei nove bagnini sul lungomare

Nell’elenco dei grandi bagnini della città di Cefalù un posto importante ha Giuseppe Perito (nella foto a sinistra). Grazie alle sue scelte, infatti, Cefalù cambia il modo di concepire il salvataggio sulla spiaggia fra i bagnanti. L’assistenza a quanti frequentano il mare, infatti, non sarà riservata solo a quanti si recano nella struttura del lido ma a tutti i bagnanti del lungomare anche a coloro che si servono delle spiagge libere. Perito progetta una cooperativa e il Municipio ne finanzia le attività. La cooperativa prende il nome di Nettuno. Al suo interno, oltre a Perito operano i bagnini Vincenzo Baccelliere, Adriano Tramontana, Damiano Sansone, Francesco Fertitta, Vincenzo Cefalù, Antonino Iacono, Tommaso Brocato, Salvatore Glorioso. Per oltre un decennio questa squadra di bagnini assicura il salvataggio sul lungomare e tante volte anche nelle altre spiagge del litorale. In dodici anni di vita gli uomini della Nettuno salvano centinaia di persone dalle onde del mare.

peritoAlla scuola di Giuseppe Perito (nella foto a sinistra) si formano diversi bagnini che negli anni, anche quando la Nettuno non opererà più, svolgeranno il loro servizio di salvataggio. Grazie alle mani, alla forza e al coraggio di Perito tante persone sono state tratte in salvo dalle onde del mare. Tutti i bagnini che hanno operato, e continuano ad operare a Cefalù, anche quelli che oggi non sono più in vita, saranno ringraziati ufficialmente, con la consegna di attestati di merito e di stima, giovedì 2 marzo alle ore 18 presso l’Auditorium dell’Istituto Jacopo del Duca nel corso della manifestazione “Cefalù, mare e pescatori” organizzata da cefalunews, dal Lions Club, dal Rotary, dalla Fidapa, dalla Polis Kephaliodion e da Marsala editore. Una manifestazione, quella di giovedì prossimo, per ricordare quanto accaduto l’1 marzo del 1951 sul mare cefaludese quando sette pescatori della nostra città, in un mare in burrasca, hanno salvato alcuni marinai dell’Arenella di Palermo che erano alla deriva. La manifestazione, arrivata quest’anno alla sua terza edizione, vedrà la premiazione di tutti i bagnini che hanno dedicato il loro tempo a salvare vite umane sul lungomare. Per questo vogliamo ricostruire, insieme ai nostri lettori, la storia del salvataggio nel mare di Cefalù grazie all’opera dei bagnini. Chiediamo a quanti sono in possesso di informazioni utili a disegnare questa pagina bella di storia della nostra città di farci avere le informazioni utili per non dimenticare nessuno dei bagnini, giorno 2 marzo, quando saranno consegnati gli attestati.
Per non dimenticare nessuno dei bagnini che hanno operato sul mare di Cefalù vi chiediamo di farci conoscere i loro nomi inviando le vostre segnalazioni servendovi dello spazio sotto dedicato ai commenti oppure inviando un messaggio al numero 347.2975402 o scrivendo all’email cefalunews.net@libero.it Potete anche inviarci le loro foto.

Oggi pomeriggio, 28 febbraio, cefalunews pubblicherà l’elenco completo dei bagnini che riceveranno il riconoscimento nel corso della manifestazione del prossimo 2 marzo.

I bagnini della cooperativa Nettuno
I bagnini della cooperativa Nettuno