Assicurazione auto: dopo 5 anni torna il tacito rinnovo

Mercoledì 2 agosto il disegno di legge sulla Concorrenza è diventato legge passando al Senato con una maggioranza di soli 146 voti contro 113 No. Appena due voti in più rispetto ai 144 che hanno consentito il via libera alla Manovra. Diverse lenovità che vi sono contenute. Quella che torna a penalizzare il cittadino è l’abolizione del tacito rinnovo per le polizze assicurative. In questo caso è una battaglia vinta soprattutto dal mondo delle assicurazioni e che invece sa di beffa per i consumatori. Di che si tratta. Fino al 2012 moltissimi contratti di assicurazione per auto (e anche moto) contenevano una clausola contrattuale: una volta scaduto il termine del contratto, questo si rinnovava automaticamente per altri 12 mesi. Nel 2012, durante il governo Monti, era stato approvata l’abolizione del tacito rinnovo. Grazie a questa Legge, entrata in vigore immediatamente a seguito dell’approvazione, i cittadini erano maggiormente agevolati nel cambio dell’assicurazione RC Auto e i prezzi si erano mediamente livellati verso il basso. Con la nuova legge, però, si tornerà all’antico con la conseguenza che i prezzi delle Rc Auto saranno destinati ad aumentare.

Il decreto legge approvato il 2 agosto prevede altre novità. Eccone alcune:

  • Ci saranno sconti assicurativi per chi installa la scatola nera accettando di sottoporre il veicolo a ispezione o di collocare un dispositivo che impedisce alla persona di accendere il motore se ha bevuto troppo. Tariffe più basse anche per gli automobilisti ‘virtuosi’ che risiedono nelle aree più a rischio e con prezzi medi maggiori. Nel caso di mancato sconto sono previste sanzioni amministrative per le assicurazioni da 5.000 euro a 40.000 euro.
  • Slitta dal 1 gennaio al 1 luglio 2018 la fine del mercato di maggior tutela per l’energia elettrica e il gas. Possibilità di rateizzare le maxi-bollette causate da ritardi o disguidi dovuti al fornitore del servizio.
  • I pagamenti per l’ingresso ai musei o a eventi culturali potranno essere effettuati anche tramite cellulare.
  • A partire dal 10 giugno 2017, Poste italiane non avrà più l’esclusiva sulle notifiche di atti giudiziari e multe.
  • Cambio operatore tv o telefono. I clienti dovranno essere informati in partenza di quali spese dovranno affrontare in caso di cambio operatore per il telefono o l’abbonamento tv, che potrà avvenire anche per via telematica. Il contratto non potrà essere superiore ai 24 mesi.
  • Gli alberghi saranno liberi di fare alla clientela offerte migliori rispetto a quelle dei siti Internet di prenotazione online come Booking.com.
  • I notai salgono da uno ogni 7mila abitanti a uno ogni 5mila. Il registro delle successioni sarà tenuto dal Consiglio nazionale del notariato. Per la costituzione delle srl semplificate continuerà a essere necessario l’intervento del notaio.