Giuseppe Patiri: uno studioso dai mille interessi ma con l’occhio sempre puntato su Termini Imerese

In occasione del ciclo delle conferenze dedicate a Giuseppe Patiri (1846 – 1917) paletnologo, etnologo, studioso di storia locale siciliana, e promotore del carnevale termitano, uno dei più antichi d’Italia, si terrà nella cittadina imerese il giorno 8 febbraio alle ore 16.15, all’interno della chiesa quattrocentesca di Santa Caterina d’Alessandria, sita nella Piazza S. Giovanni, il 2° ciclo di conferenze a tema. Il titolo dell’argomento di quest’anno sarà: “Giuseppe Patiri: uno studioso dai mille interessi ma con l’occhio sempre puntato su Termini Imerese”.

Giovedì 8 febbraio

Ore 16.15 – Conferenza

Saluti: Don Antonio Todaro,  (Parroco della Parrocchia di S. Nicola di Bari, Duomo di Termini Imerese)

Introduzione: Alessandro Mallei (Rappresentante della componente studentesca dell’Istituto di Istruzione Superiore Statale “Niccolò Palmeri”)

“Liceo Palmeri tra memoria e progetto”.

RELATORI

Dott.ssa Vincenza Palmeri

“Niccolò Palmeri e Paolo Balsamo precursori della cultura termitana del Novecento. La Costituzione siciliana del 1812 e quanto di loro c’è nell’opera di Giuseppe Patiri”

Giuseppe Li Rosi (Presidente dell’Associazione “Simenza Cumpagnia Siciliana sementi contadine)

“Niccolò Palmeri: Il calendario dello Agricoltore Siciliano: la biodiversità base del futuro”

Arch. Roberto Tedesco

“Antiche Terme Eraclee le acque calde di Imera. Da Pindaro a Patiri. Testimonianze a confronto”

Dott.ssa Roberta Sperandeo

“Caterina d’Alessandria: una santa siciliana e gerosolimitana”

Christian Pancaro

“L’antico carnevale nel palermitano ieri e oggi”

MODERATORE: Giuseppe Catalano (Comitato celebrazioni centenario morte Giuseppe Patiri)

Saranno presenti: Avv. Francesco Giunta – Sindaco della Città di Termini  Imerese e la Prof.ssa Maria Bellavia – Assessore alla Cultura