Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Istat: crescono le disuguaglianze
Cefalunews

Istat: crescono le disuguaglianze

Il Rapporto Annuale pubblicato dall’Istat evidenzia l’incremento nel 2019 delle disuguaglianze tra le categorie sociali e le aree territoriali ed un loro ampliamento nel 2020 dovuto all’emergenza Covid 19

‘Sul fronte del mercato del lavoro la fotografia al 2019 indica crescita di diseguaglianze territoriali, generazionali e per titolo di studio rispetto al 2008’. Questo è in sintesi il contenuto del Rapporto Annuale 2020 pubblicato dall’Istat. Con l’emergenza sanitaria l’elevato tasso di precarietà dell’occupazione ‘tra le donne, nel Mezzogiorno, tra i lavoratori molto giovani e tra quelli anziani è una fonte di fragilità aggiuntiva’. La chiusura delle scuole e l’impossibilità di affidarsi ‘alla rete famigliare’ rischiano di amplificare le disuguaglianze.

Il digital divide e l’insufficienza di attrezzature informatiche accentuano le differenze sociali. In particolare, nel Mezzogiorno dove ci sono carenze strutturali negli asili nido e nell’affidabilità della Rete. L’utilizzo dello smartworking, reso necessario dal lockdown, ha evidenziato le grandi potenzialità di questo strumento, ma ha mostrato anche le criticità legate agli ‘squilibri tra lavoro e spazi privati’ ed il divario digitale che caratterizza il nostro Paese.

Il ‘mercato del lavoro pre-pandemia mostra diseguaglianze crescenti’. Nel 2019 gli occupati nel Centro-nord erano 519 mila in più rispetto al 2008, mentre nel Sud il saldo è ancora negativo per 249 mila unità. Gran parte dell’occupazione tra le donne, i giovani ed i lavoratori del Mezzogiorno è a ‘tempo determinato ed a tempo parziale’ ed è ad alto rischio ‘di marginalità e di perdita del lavoro’.

Le misure di confinamento adottate nei mesi scorsi dal Governo stanno causando ‘un aumento delle disuguaglianze’. Al divario strutturale nelle infrastrutture e nello sviluppo produttivo ora si aggiunge quello digitale. Nel Sud il 19% dei giovani tra i 6 ed i 17 anni non ha nè un computer né un tablet, mentre nel Nord la percentuale scende al 7,5% e nel Centro al 10,9%. La situazione è aggravata dalla condizione di disagio socio-economico delle famiglie.

Il Rapporto pubblicato dall’Istituto di statistica conferma il crescente divario tra le diverse aree geografiche del Paese e tra le diverse classi sociali. Mesi di emergenza sanitaria e di blocco delle attività hanno fatto emergere ulteriori condizioni di criticità. L’ipotesi di un incremento delle disuguaglianze dovute al Coronavirus non è quindi un’eventualità, ma una certezza.

Fonte istat.it

REDNEWS