Cosa succede se il cane mangia la cipolla? Ecco l’incredibile risposta

Cosa succede se il cane mangia la cipolla? Non bisogna mai dare la cipolla al cane. La cipolla, infatti, è in grado di danneggiare i globuli rossi dei cani. Ecco perché è bene stare attenti quando si compra il cibo del cane perché non vi sia cipolla. Il consumo regolare di cipolla potrebbe essere nel cane la causa di una anemia emolitica. Ci sono persone che danno al proprio cane gli avanzi della tavola ma potrebbero contenere cipolla. La dose tossica della cipolla per il cane, attenzione, è di 15 grammi per ogni chilo di peso vivo. Gli effetti, però, è bene stare attenti, si cominciano a vedere quando un cane ha mangiato solo lo 0,5% di cipolla rispetto al suo peso.

Quali cibi fanno male la cane? Bisogna stare molto attenti al cioccolato perché per il cane può risultare anche velenoso. Il più rischioso è il cioccolato fondente perché contiene una percentuale elevata di teobromina. Questa sostanza, proprio nei cani, può provocare una sete eccessiva, un battito cardiaco irregolare, dei tremori e addirittura la morte nei casi più gravi. Ecco perché bisogna tenere lontano dal cane il cioccolato. Per un cane mangiare un’intera barretta di cioccolato, soprattutto se fondente, potrebbe essere molto rischioso. Il consiglio, quindi, è di tenere lontano dalla vista del cane il cioccolato soprattutto se cioccolato fondente. Attenzione anche al gelato perché lo può portare ad essere sovrappeso.

Quali cibi può mangiare il cane? Il cane può mangiare le carote. Le carote, infatti, si trovano tra gli ingredienti dei cibi per cani. Le carote contengono betacarotene, una sostanza che fa bene agli occhi del cane. Le carote, tra le altre cose, fanno anche bene alla pelle e alla pelliccia del cane. Ecco perché le carote sono raccomandate per cani a pelo lungo come i golden retriever o i maltesi. A tutto questo è da aggiungere che le carote sono adorate dal cane per la loro consistenza. Al cane la carota si può dare cotta o cruda ma non esagerare se l’animale ha il diabete.

Cosa fare se il cane mangia la cipolla? I primi sintomi si iniziano a vedere qualche giorno dopo. Se si sospetta che il cane abbia mangiato la cipolla bisogna portarlo subito dal veterinario per effettuare una lavanda gastrica ma anche per la somministrazione di carbone attivato che impedirà, quindi, l’assorbimento intestinale dei composti tossici. Se ci si accorge dei sintomi, però, dopo qualche giorno dall’ingestione va detto al veterinario che verificherà l’anemia attraverso delle analisi del sangue. Procederà, infatti, con il monitoraggio ed eventualmente con una trasfusione, perché se impossibilitato a trasportare l’ossigeno nel sangue il cane è in pericolo di vita.

Quali rischi corre il cane che mangia la cipolla? Una volta eliminati i globuli rossi danneggiati, se il cane è sopravvissuto il midollo inizierà a produrne di nuovi e la situazione tornerà normale nel giro di qualche settimana. In genere la prognosi è favorevole se l’intervento del veterinario si effettua il prima possibile. Questo anche perché facilità di reperire il sangue per la trasfusione riuscendo così a limitare i danni dall’intossicazione. Attenzione perché il mancato intervento, è bene sapere, potrebbe portare al coma e poi alla morte del cane. Per il gatto la dose tossica di cipolla è circa un terzo rispetto a quella del cane.

Torna in alto