Cefalù: quattro webinar per un progetto di scuola e territorio con gli studenti

Nell’ambito delle attività di ampliamento dell’Offerta Formativa relative al progetto “Scuola e territorio: quali sinergie e quali progetti per il dopo pandemia”, l’I.I.S.S. Jacopo del Duca-Diego Bianca Amato di Cefalù organizza quattro incontri online, rivolti a studenti e docenti, con Enti, Associazioni e realtà sociali del territorio.

Le tematiche individuate si articoleranno sulla base dei quattro indirizzi di studio compresi all’interno della nostra scuola: per il Liceo Scientifico l’argomento prescelto è “La valorizzazione delle risorse paesaggistiche, della biodiversità, lo sviluppo sostenibile costituiscono un volano di crescita del territorio e un corretto stile di vita” con il contributo del prof. Rosario Schicchi, direttore dell’Orto Botanico e del dott. Giovanni Nicolosi, guida naturalistica e responsabile Gole di Tiberio e Zipline Sicilia.

Il tema per il Liceo Artistico, invece, sarà “Tutelare e promuovere i beni culturali, principi costituzionali e attuali”, con il contributo della prof.ssa Flora Rizzo, Presidente Archeoclub d’Italia sede di Cefalù e della prof.ssa Maria Enza Puccia, Presidente Museo Civico Castelbuono. Il Liceo Linguistico dibatterà sul tema: “La multiculturalità è un’esperienza unica che crea valori, identità, comportamenti e apprendimenti”, con il contributo di alcuni alunni del Linguistico e giovani con esperienze maturate all’estero. L’Istituto tecnico, infine, propone il tema “Il percorso formativo della guida turistica”, con l’intervento della dott.ssa Barbara De Gaetani, guida turistica. A moderare gli incontri sarà la prof.ssa Maria Elena Amoroso.

“L’iniziativa formativa – afferma il Dirigente Scolastico, prof.ssa Antonella Cancila – consentirà agli studenti di consolidare le competenze trasversali che ruotano intorno alla costruzione del senso di identità territoriale, indispensabile per sentirsi cittadini Europei e del mondo. La Scuola di oggi deve abbracciare gli stimoli provenienti dalla società e allineare i propri interventi educativi all’interno del proprio curricolo, in tal modo essa potrà contribuire all’arricchimento di quel bagaglio culturale che ogni studente utilizzerà per il proprio progetto di vita”.