Bere acqua di zucchine tutte le sere 10 minuti prima di dormire. Ecco cosa succede al cuore, alla glicemia e al colesterolo

Le zucchine per il loro 95% sono acqua. Durante il giorno se ne possono mangiare fino a 500 grammi. In questo caso si introducono circa 475 millilitri di acqua. L’equivalente di un quarto della quantità di acqua che si dovrebbe bere durante la giornata.

Come utilizzare l’acqua di cottura delle zucchine?

Vi si può preparare un brodo vegetale. Per questo va conservata per preparare dei minestroni come anche le vellutate e i risotti. Si può adoperare anche per mettere in ammollo i legumi secchi quali ceci, fagioli e lenticchie. Attenzione però a che non sia sai può riutilizzare anche per cuocere a vapore. Al posto di prendere acqua corrente non solo si risparmia ma i cibi risulteranno più saporiti.

Cosa contiene l’acqua delle verdure bollite?

Vi si trovano Sali minerali quali potassio, calcio, sodio, magnesio e fosforo. E’ un patrimonio di salute che non va sperperato. Attenzione però a pulire bene le verdure. Bisogna evitare che vi restino residui di terra o sporcizie. La presenza dei sali minerali in questa acqua delle verdure la rende un alimento importante per le piante. Si può usare per bagnare piante e fiori. Ribadiamo ancora che non dovrà essere salata e nemmeno calda ma fredda.

A cosa fa bene l’acqua della pasta?

Questa acqua è uno dei rimedi della nonna più popolari. Si può utilizzare per lavare piatti, posate, pentole e padelle. Se usata quando è ancora calda lava le incrostazioni delle pentole. Va anche bene per cuocere i cibi a pressione o a vapore. Può essere impiegata anche quale condimento per inumidire altre pietanze. Si può utilizzare per la cottura delle carni. Si può usare anche per rendere più buoni alcuni preparati fatti in casa come la purea di patate ma anche quella di carote e persino anche il pesto.

Perché le zucchine fanno male?

Possono contenere la cucurbitacina. Questa sostanza può provocare l’avvelenamento. E’ un composto tossico, dal sapore amaro, che si trova nelle cucurbitacee coltivate a livello domestico. Se mangiandole si sente un sapore amaro bisogna subito evitarle. Il sapore amaro, infatti, è il segno che la verdura è contaminata. La cucurbitacina non può essere eliminata con la cottura. I sintomi che porta sono vomito e diarrea che compaiono dopo poche ore dal pasto.

Quali sono i benefici delle zucchine?