Ciclo delle conferenze dedicate a Giuseppe Patiri – 14° incontro: “La culla della pasta: il territorio termitano”

Ciclo delle conferenze dedicate a Giuseppe Patiri (1). Si svolgerà in diretta streaming, dalla pagina Facebook di Cefalùnews (martedì 26 luglio 2022 alle ore 18.00), il 14° incontro di conferenze a tema dal titolo: “La culla della pasta: il territorio termitano”.
Introduce e modera, Mario Macaluso, Giornalista, Direttore di Cefalunews
Saluti
Maria Terranova, Sindaco di Termini Imerese
Maria Concetta Buttà, Assessore Cultura
Giuseppe Lucio Maria Preti, Assessore Turismo e Sport
Interventi
Piera Rossotti Pogliano, Direttore Editoriale Casa Editrice TriplaE
Nunzio Russo, Autore de “Il romanzo della pasta italiana”
Mario Piraino, Storico
“Pane e pasta nascono a Termini Imerese”
Antonio Contino, Storico
“Acqua e Mulini nel termitano tra Medioevo e Settecento”

Il fertile territorio di Termini Imerese sin dal Medioevo ha vantato la tradizionale lavorazione e produzione della pasta, grazie al favorevole clima e alla particolare abbondanza di acque sorgive.
Uno dei più antichi procedimenti d’impasto, la “itrya” (dalla voce araba “itryah” ossia “impasto fresco”), fu citato nel Talmud babilonese (III e il V secolo d.C.). Questa affine pietanza la troveremo in Sicilia, intorno all’anno Mille, sotto la dominazione normanna, e precisamente a Tirma l’attuale Termini Imerese, in seno al suo vasto territorio, ricco di sorgenti e di corsi d’acqua, nel “mahall” (uno sparuto insieme di casupole) chiamato “at tarbî’ah” oggi Trabia.
A raccontarcelo fu il geografo e viaggiatore arabo-berbero Al Idrisi (1099 circa – 1164 circa). Esattamente nel suo “Kitāb nuzhat al-mushtāq fī ikhtirāq al-āfāq”, ovvero: “Il sollazzo per chi si diletta di girare il mondo”, altrimenti detto “Il libro di Ruggero (Kitāb Rujār o Kitāb Rujārī)”.

Note
(1) Il Prof. Giuseppe Patiri (1846 – 1917) paletnologo, etnologo, studioso di storia locale siciliana, fu un illustre socio in seno della benemerita “Società del Carnevale”, infatti, oltre ad esserne il promotore, fu anche il referente ufficiale a Termini Imerese dell’antropologo Giuseppe Pitrè fondatore in Sicilia della “demopsicologia” e che insieme al folclorista – filologo Salvatore Salomone Marino, diedero origine all’Archivio per lo studio delle tradizioni popolari. Il Carnevale di Termini Imerese è uno dei più antichi d’Italia ed erede diretto dell’antico carnevale di Palermo. 

Bibliografia e sitografia

Giuseppe Navarra “Termini com’era” GASM, 352 pp. 2000.

Andrea Sansone, Mulini e Pastifici a Termini Imerese dall’Unità d’Italia ai nostri giorni” Tipografia Zangara, Bagheria, 2018, 218 pp.

Antonio Contino, “Aqua Himerae idrografia antica ed attuale dell’area urbana e del territorio di Termini Imerese (Sicilia centro-settentrionale)” Giambra Editori, 300 pp. 2019.

Giuseppe Longo 2020, “Diciamo basta allo slogan della pasta inventata a Trabia”, Cefalunews.org, 14 luglio.

Giuseppe Longo 2022, Quando finirà la telenovela dei Napoliti presunti padri fondatori del Carnevale Termitano?, Cefalùnews, 24 febbraio.

Nunzio Russo, “Il romanzo della pasta italiana”, Edizioni Tripla E, 2022.

Giuseppe Longo 2022, “Il territorio termitano arabo-normanno e la produzione della pasta nel mahall di ‘at tarbî’ah, l’attuale Trabia”, Cefalùnews, 23 maggio.

Giuseppe Longo 2022, “La riscossa della pasta “Imerese”, Cefalùnews, 13 giugno.

Giuseppe Longo 2022, “Una pagina di storia termitana misconosciuta: L’antica produzione delle paste alimentari”, Cefalùnews, 14 giugno.

Giuseppe Longo
giuseppelongoredazione@gmail.com
@longoredazione