Cosa succede a chi mangia i pomodori con la buccia? Incredibile

Nella buccia dei pomodori si trova il licopene. E’ un carotenoide molto utile che previene l’ossidazione del colesterolo sulle pareti delle arterie. Previene anche il tumore della prostata.

Quali minerali contengono i pomodori?

I pomodori sono fonte di preziosi nutrienti. In particolare potassio e fosforo. Apportano anche vitamina C, K e folati. Il colore rosso dei pomodori si deve ad un potente antiossidante: il licopene. Questi svolge la sua azione insieme ad altri due antiossidanti come luteina e zeaxantina. I pomodori sono costituiti per la maggior parte da acqua e da un contenuto di grassi irrisorio. Per questo hanno un apporto calorico molto basso. I pomodori hanno solo 18 calorie per 100 grammi.

Perché togliere la buccia ai pomodori?

Il vantaggio di spellare il pomodoro ed eliminarne i semi è quando si preparano la conserva o la passata. Si evita che bucce e semi intasino il passaverdure. Per il resto è sempre bene consumare frutta e verdura con la buccia. Vi si trovano principi nutritivi molto importanti. Nella buccia della mela e degli agrumi, per esempio, è presente la pectina. E’ una fibra molto importante per la funzionalità intestinale. Alle persone che hanno problemi di digestione, invece, è consigliato consumare frutta e verdura senza la buccia. Le molte fibre possono rallentare lo svuotamento gastrico.

Chi non deve mangiare i pomodori?

Non deve mangiare i pomodori chi soffre di allergia al nickel o alle solanacee. L’allergia al pomodoro provoca sintomi di diversa gravità. Fra le più leggere troviamo i rush cutanei, l’arrossamento della pelle, prurito e bruciore. In genere questi disturbi si manifestano al semplice contatto con questo frutto. Le reazioni più gravi, invece, sono tumefazione delle labbra e della bocca, orticaria, difficoltà a deglutire, disturbi gastrointestinali come nausea o vomito, dolori addominali, diarrea, difficoltà a respirare, attacchi d’asma. Si possono anche presentare disturbi meno tipici per un’allergia alimentare. Tra questi mal di testa, disturbi del sonno, nausea, stanchezza e irritabilità.

Che succede se mangi troppi pomodori?

Secondo alcuni nutrizionisti si potrebbero avere problemi alle funzioni immunitarie. Il corpo umano potrebbe essere meno attivo nel combattere le infezioni batteriche e fungine. Tutto questo a causa dell’eccessiva assunzione di licopene che si trova proprio nei pomodori. Mangiarne troppi pomodori quindi può provocare questi problemi:

  • Bruciore di stomaco
  • Problemi renali
  • Diarrea
  • Problemi gastrointestinali
  • Reazioni allergiche
  • Diverticolite
  • Problemi alle funzioni immunitarie
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Emicrania
  • Problemi urinari
  • Problemi alla prostata