Il mare d’inverno

Il mare d’inverno
In un pomeriggio d’inverno scendo
sul lungomare spazzato dal vento
di maestrale. Il mare grosso è grigio.
Il forte vento solleva veli di spuma
bianca dalle creste delle onde gonfie
che corrono verso la spiaggia.
Il cielo è annerito da nuvole basse
che si allungano sino all’orizzonte.
Una pioggia leggera rende ancora
più mesto il desolante paesaggio.
Il vento sferza ed agita i rami
scomposti degli spettrali alberi
portando tristezza malinconia
nel cuore e nell’anima ferita.
Con gli occhi punto il molo ove
si infrangono onde tumultuose.
Ho i capelli infradiciti incollati
alla testa e le copiose lacrime
si fondono con la pioggia.
Il mare d’inverno si riversa
ribollendo nella mia anima
alimentando rimpianti e malinconie
tumultuosi come il… mare d’inverno.
Salvatore Gugliuzza