San Guglielmo: docenti a formarsi con il prof. Cattaneo

Ha preso inizio stamattina, martedì 1 agosto, a san Guglielmo in Castelbuono il seminario di formazione per i docenti di religione cattolica guidato dal prof. Piero Cattaneo, coordinatore dei licei, istituto sociale di Torino. Ad organizzare l’iniziativa l’ufficio scuola della diocesi di Cefalù diretto dal preside Pino Simplicio. I lavori sono cominciati con una introduzione del vescovo di Cefalù Vincenzo Manzella. Il professore Cattaneo, nelle sue due relazioni, ha sottolineato innanzitutto l’importanza del rapporto affettivo-relazionale che si stabilisce con l’allievo nel processo di apprendimento. Ha poi proseguito ritornando sulla definizione di competenza che può definirsi come “l’insieme delle conoscenze, abilità, attitudini personali (atteggiamenti, valori, significati), potenzialità e capacità che ogni studente possiede”. Il relatore si è anche soffermato sullo sviluppo delle competenze nei diversi gradi scolastici che nella scuola dell’infanzia si chiamano pre-competenze. Tutto questo comporta per l’insegnante non tanto un cambio, ma una integrazione della propria metodologia, che dovrà prevedere esperienze e situazioni di compito autentico, poiché la competenza non si acquisisce in modo nozionistico, ma evolve e matura nel rispetto dei ritmi di apprendimento.

Nel corso della sue relazioni il prof. Cattaneo ha presentato anzitutto i provvedimenti legislativi collegati alle Indicazioni, dal Regolamento sull’Autonomia (DPR n. 275/1999) alla pubblicazione delle Nuove Indicazioni nel dicembre 2012 e delle Misure per l’accompagnamento delle Indicazioni Nazionali (CM n. 22, 26 agosto 2013). Ha evidenziato le motivazioni che stanno alla base delle Nuove Indicazioni. Ha dato spazio alla elaborazione di un Curricolo verticale di istituto elencandone vincoli e aree di discrezionalità. Ha esaminato il rapporto tra competenze trasversali, disciplinari e obiettivi di apprendimento. I lavori andranno avanti fino mercoledì mattina.