A che punto è il Prg? Tre denunce dall’opposizione

A che punto è a Cefalù l’iter per il nuovo piano regolatore generale? La richiesta arriva dai cinque consiglieri di opposizione, del gruppo «Cefalù terzo millennio», che per questo hanno inoltrato una interrogazione al sindaco di Cefalù. I firmatari vogliono anche conoscere se si è preceduto alla richiesta di prelazione per le aree delle ferrovie dello stato dedicate a parcheggio e per le altre aree dell’attuale stazione ferroviaria. 

Nella loro interrogazione i cinque consiglieri firmatari lanciano tre pensati denunce. La prima è sui parcheggi. «A Cefalù i parcheggi dovevano essere previsti prima dell’avvento della zona a traffico limitato e non dopo». A Cefalù mancano le strade e i parcheggi sono drammaticamente insufficienti. C’è necessità di garage multipiano da realizzare agli ingressi delle città. La seconda denuncia: «Le prime ciclabili protette vanno pensate e progettate prima che si attivino i bandi pubblici  e   non dopo ritrovandosi, per tale ragione, a dover rifiutare la partecipazione agli stessi». La terza denuncia, infine, è molto esplicita e chiara: «Il verde non è una parola in inglese per motivare la creazione di eventi di dubbia coerenza con l’associazione che a questo colore si da e, forse, solo per giustificare le capacità ludiche di alcuni consulenti. Il verde sono aree a verde attrezzato cui ogni cittadino ha diritto e di cui non possiamo ancora disporre».