Infissi di casa, guida alla scelta: alluminio, PVC o legno?

La scelta degli infissi per la casa non è secondaria né è solamente una questione estetica. Per ottenere un buon risparmio energetico, bisogna saper scegliere gli infissi più idonei alle proprie esigenze: ogni materiale, infatti, ha dei pro e dei contro e si può adattare o meno ad ogni abitazione secondo una valutazione pratica ed estetica. Ma come ci si orienta nella scelta dei materiali perfetti per gli infissi?

  • Per orientarsi nella scelta degli infissi migliori, secondo le proprie esigenze, bisogna tenere conto innanzitutto del budget: alcuni prodotti sono più economici, ma possono rivelarsi un investimento poco fruttuoso dato che gli infissi sono destinati, tendenzialmente, a durare per anni in ogni situazione ambientale e climatica.
  • In secondo luogo, bisogna optare per la scelta del materiale migliore, fra legno, alluminio e PVC, i più diffusi nel campo, secondo i parametri che vedremo.
  • Bisogna poi tenere conto anche delle dimensioni degli infissi che possono influenzare la scelta del materiale migliore (ad esempio il PVC è la scelta migliore per finestre e serramenti di dimensioni medie).

Vediamo quindi quali sono i vantaggi e gli svantaggi degli infissi di casa in alluminio, in PVC o legno per capire come orientarsi al meglio nella scelta di questi fondamentali elementi della casa.

Infissi in alluminio, quando sceglierli

L’alluminio è uno dei materiali più diffusi per la costruzione di infissi; bisogna fare però le opportune distinzioni per orientarsi alla scelta del prodotto. L’alluminio a taglio freddo è un tipo di prodotto tradizionale, che però non è in grado di garantire un idoneo isolamento termico perché lascia passare in casa il freddo d’inverno e il caldo d’estate, inoltre può favorire il passaggio dell’umidità e la formazione di muffa. Quando si parla di infissi in alluminio si fa riferimento soprattutto all’alluminio a taglio termico, che è dotato di un materiale isolante inserito all’interno delle lastre. In questo modo, viene garantito un buon isolamento termico sia in estate che in inverno, con la conseguenza di un risparmio sul riscaldamento o raffreddamento della casa e di un miglior comfort domestico.

L’alluminio a taglio termico è perfetto per fare gli infissi purché l’isolante interno sia abbastanza spesso da garantire un isolamento effettivo e idoneo; ovviamente questo è un punto che si riverbera sul prezzo finale. Bisogna tenere conto che l’isolamento garantito dall’alluminio è uguale a quello degli infissi in legno o in PVC solamente se il materiale interno è abbastanza spesso. Gli infissi d’alluminio si rivelano una scelta più economica, ma comunque abbastanza isolante, vanno bene soprattutto per chi guarda l’aspetto economico, però non garantiscono il perfetto isolamento per molti anni. Per quanto concerne il lato estetico, l’alluminio non offre particolari possibilità di personalizzazione, motivo per cui se si cerca un materiale più caldo e personale anche se più costoso, si suggerisce di orientarsi sul legno o sul PVC.

I vantaggi degli infissi in legno

Il legno è notoriamente un materiale molto isolante, tradizionalmente utilizzato nella costruzione degli infissi. Il vantaggio degli infissi in legno moderni è soprattutto il fatto che, a differenza di quanto avveniva in passato, non hanno bisogno di eccessiva cura. L’uso di vernici apposite protegge gli infissi in legno dall’acqua, dal calore del sole e dalle infiltrazioni, tanto che alcuni prodotti sono garantiti anche fino a quindici anni dalla loro installazione.
Sotto questo punto di vista, quindi, gli infissi in legno si rivelano un investimento vantaggioso perché duraturo nel tempo, ma non si tratta dell’unico vantaggio, infatti:

  • il legno è un materiale naturale, caldo e molto isolante per sua natura;
  • anche da un punto di vista economico, gli infissi in legno sono molto convenienti;
  • infine, l’aspetto estetico: molte persone preferiscono gli infissi in legno perché si sposano meglio allo stile dell’abitazione, sono caldi ed altamente personalizzabili, difatti possono adeguarsi perfino alle case più moderne.

Se desiderate una casa rustica o elegante, gli infissi in legno possono quindi essere una buona scelta, sia per la resistenza che per l’isolamento che per la loro bellezza. L’unico elemento al quale dovrete fare attenzione è che gli infissi non siano stati adeguatamente trattati con speciali vernici, poiché potrebbero richiedere un ritocco di colore nel corso degli anni.

Infissi in PVC: quando sceglierli

Il cloruro di polivinile, meglio noto come PVC, è un materiale molto utilizzato nella costruzione di infissi perché non conduce per natura. Di origine plastica, noto per essere un materiale che isola in maniera eccellente, è assolutamente impermeabile.
Se vivete in una zona molto umida, o dove le piogge sono frequenti, gli infissi in PVC potranno supplire a molti problemi; al contrario del legno, non gonfiano e non scoloriscono, ma si mantengono nel tempo. Inoltre, gli infissi di PVC resistono anche agli sbalzi climatici. Questo consente di risparmiare anche sul riscaldamento in inverno e di mantenere un clima perfetto in casa.

Gli infissi in PVC sono anche molto personalizzabili, quindi non dovrete rassegnarvi ad un colore spento o mortificante, poco in tono con la vostra abitazione e con l’arredamento che avete scelto. Vi consigliamo di rivolgervi agli esperti del settore per sapere quali combinazioni di colori e rifiniture potete scegliere per gli infissi in PVC, che inoltre sono estremamente leggeri.
Anche gli infissi in PVC, però, hanno qualche limite, soprattutto per quanto riguarda i serramenti molto grandi. In questi casi possono crearsi dei problemi nell’installazione degli infissi, che vanno affrontati di volta in volta.

Per concludere la disamina, vale la pena considerare che è possibile combinare diversi materiali fra di loro per ottenere un risultato eccellente dal punto di vista estetico e funzionale: ad esempio, oggi si possono fare infissi di PVC con rivestimento di alluminio.