Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Guardia Costiera di Porticello: intervento a natante capovolto
Cefalunews

Guardia Costiera di Porticello: intervento a natante capovolto

Nella primo pomeriggio della giornata di ieri, il personale della Guardia Costiera di Porticello, coordinato dal Comandante, Ten. Vasc. Giuseppe Morra,  é intervenuto per fornire assistenza ad una unità da diporto capovoltasi in mare.
Infatti erano le ore 15.30 circa quando la sala operativa della Direzione Marittima della Sicilia Occidentale e Capitaneria di Porto di Palermo veicolava alla sala operativa della Guardia Costiera di Porticello una segnalazione pervenuta da privato cittadino sul numero blu di emergenza in mare 1530, relativa al capovolgimento di un natante da diporto nelle acque antistanti il Comune di Santa Flavia, all’altezza della località Solanto.
Immediatamente, si attivava il dispositivo di ricerca e soccorso in mare, nell’ambito dell’operazione Mare Sicuro, con l’invio della dipendente motovedetta CP 524 che, subito dopo, intercettava il natante in difficoltà
Fortunatamente veniva subito notato che tutti gli occupanti, 3 persone di una stessa famiglia, non avevano subito lesioni dal disgraziato evento ed erano stati immediatamente raggiunti da altri gommoni stazionanti nelle loro vicinanze.
La motovedetta della Guardia Costiera di Porticello, per garantire una maggiore cornice di sicurezza, restava comunque in assistenza al proprietario dell’unità (un gommone di circa 4,5 metri di lunghezza) supervisionando le operazioni di rimessa in galleggiamento del mezzo nautico sino al successivo temporaneo ricovero Sulla spiaggia.
Da una ricostruzione della dinamica, sembrerebbe che il capovolgimento sia stato causato da un’onda non correttamente affrontata dal conduttore che ha causato uno sbandamento eccessivo del piccolo mezzo.
La Guardia Costiera sensibilizza a tutti gli utenti del mare di mantenere sempre una velocità moderata, anche in relazione alle dimensioni del mezzo navale condotto e alla distribuzione dei carichi trasportati e di prestare sempre la massima attenzione agli eventuali pericoli in mare, ricordando di tenere a bordo le dotazioni di sicurezza in numero sufficiente alle persone trasportate, in efficienza e facilmente localizzabili per un loro proficuo impiego in caso di necessità.
Per le emergenza in mare, chiamare il Numero Blu della Guardia Costiera 1530.

Comunicato inviato in Redazione da Paolo Taormina, giornalista