Il vino rosso cura ansia e depressione: lo dice la ricerca scientifica

Mentre a molte persone piace rilassarsi con un bicchiere di vino rosso, una nuova ricerca mostra che un composto trovato proprio in questo vino serve nei trattamenti per problemi di salute mentale. Gli scienziati dell’Università di Buffalo negli Stati Uniti ritengono che il resveratrolo, presente nella buccia e nei semi dell’uva, può curare la depressione e l’ansia. Blocca, infatti, un enzima legato al controllo dello stress nel cervello. Più di 300 milioni di persone in tutto il mondo sono colpite dalla depressione, mentre si ritiene che il 7,3% della popolazione globale sia influenzato dall’ansia. 

Al momento, gli antidepressivi si concentrano su alcune funzioni cerebrali come la serotonina per trattare e gestire i problemi di salute mentale. Gli scienziati sostengono, però, che solo un terzo dei pazienti con depressione guarisce in risposta a questi trattamenti. Il team di ricercatori americani che ha effettuato lo studio ha notato che il resveratrolo ha un ruolo importante nell’enzima fosfodiesterasi 4 (PDE4) che a sua volta è influenzato dall’ormone dello stress corticosterone. Proprio questo fatto è risultato una vera scoperta per il team di scienziati che ritengono adesso avrà ripercussioni sulla medicina. 

Per il loro studio il team ha utilizzato topi di laboratorio. I ricercatori hanno dimostrato che la PDE4 nel cervello era influenzata dall’eccesso di cortisolo rilasciato in risposta allo stress. Ciò ha portato a sintomi di ansia e depressione nei topi. La ricerca ha mostrato  che la PDE4, indotta da quantità eccessive di corticosterone, provoca un comportamento simile alla depressione e all’ansia. Il resveratrolo, invece, ha mostrato effetti neuroprotettivi contro il corticosterone inibendo l’espressione della PDE4. La nuova ricerca a questo punto pone le basi per l’uso del composto in nuovi antidepressivi. 

Il team ha scritto lo studio che porta quale titolo: “Il resveratrolo può aumentare significativamente i livelli di neurotrasmettitori DA e 5-HT nella corteccia prefrontale e aumentare l’espressione di NPY nel cervello, che può svolgere un ruolo antagonista nella depressione”. E’ stato pubblicato di recente su sciencedirect. per la loro ricerca gli scienziati hanno selezionato topi da laboratorio con depressione indotta e li hanno suddivisi in gruppi. Il gruppo modello, il gruppo a basso dosaggio, il gruppo a medio dosaggio e il gruppo ad alto dosaggio e il gruppo di controllo. 

Ai ratti nei gruppi a bassa, media e alta dose sono state somministrate iniezioni di resveratrolo 10, 20 e 30 mg per chilogrammo. I gruppi di controllo e modello hanno ricevuto, invece, una soluzione salina normale. Dopo un trattamento di 21 giorni i test hanno rivelato una riduzione della depressione. I risultati hanno mostrato che c’era un aumento del livello di dopamina e di serotonina nel cervello. Le due sostanze sono gli indicatori della depressione. C’è stato anche un significativo aumento di Neuropeptide Y nel cervello dei ratti che sono stati trattati con resveratrolo.

Di recente un lavoro supportato e aiutato dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) ha dimostrato che il resveratrolo può aiutare i primi umani che atterreranno su Marte. Questa sostanza, infatti, previene l’atrofia muscolare che si ha per la presenza della gravità zero. Lo studio si intitola “Una dose giornaliera moderata di resveratrolo mitiga il decondizionamento muscolare in un analogo della gravità marziana”. E’ stato portato avanti dal Dipartimento di Neurologia e Centro per gli studi ortopedici avanzati Beth Israel Deaconess Medical Center, Harvard Medical School, Boston, MA, Regno Unito Stati.

Il resveratrolo può preservare, infatti, l’attività e la funzione muscolare e ridurre il rischio di atrofia muscolare, che è comune nelle situazioni di gravità zero e micro-gravità come rispettivamente nelle missioni spaziali e su Marte. I ricercatori spiegano che Marte ha un’attrazione gravitazionale del 40% rispetto alla Terra e ciò può causare atrofia o alterazione dei muscoli degli astronauti. Per mantenere la salute del loro sistema muscolo-scheletrico, i ricercatori avrebbero scritto diete con il resveratrolo. Questa sostanza, infatti, preserva la perdita ossea e muscolare. Tuttavia mancano ricerche sui suoi effetti sul sistema muscolo-scheletrico in gravità parziale. 

Anche per questo studio sono stati utilizzati dei ratti. 24 topi sono stati divisi in due gruppi. Una dozzina viveva in normali condizioni di gravità mentre gli altri 12 erano esposti a una forza gravitazionale che imita Marte. Dei 12 in ciascun gruppo, a 6 sono stati somministrati 150 milligrammi di resveratrolo al giorno. Alla fine di due settimane tutti gli animali che vivevano con una gravità del 40% hanno mostrato atrofia muscolare. Tuttavia, quelli che stavano ricevendo un’integrazione di resveratrolo avevano sia la forza di presa dell’arto anteriore che quella posteriore identiche a prima.