Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Mangiare radicchio aiuta a prendere la tintarella? La risposta della scienza
Cefalunews

Mangiare radicchio aiuta a prendere la tintarella? La risposta della scienza

Mangiare radicchio aiuta a prendere la tintarella? Per chi vuole abbronzarsi in salute il primo consiglio è fare il pieno di cibi ricchi di vitamina A, o meglio del suo precursore, il betacarotene, che fa parte dei pigmenti vegetali chiamati carotenoidi. Questa molecola è un antiossidante che aiuta la pelle ad abbronzarsi senza rischi limitando al minimo i danni da raggi solari. Per ottenere tutto questo occorre mangiare frutta e verdura di colore giallo o rosso-arancione. Tra queste il radicchio rosso. Nella classifica degli alimenti più ricchi di beta-carotene al primo posto ci sono le carote e al secondo il radicchio. Il beta-carotene è un nutriente molto importante per ottenere una buona abbronzatura. Stimola, infatti, la produzione di melanina e regala al corpo un colorito più scuro. Accanto a tutto questo aiuta anche la pelle a proteggersi dagli effetti negativi dei raggi solari. Attenzione a non abusare di betacarotene attraverso gli integratori. Secondo recenti studi diffusi dal World Cancer Research Fund International, l’assunzione quotidiana di integratori a base di betacarotene, aumenta il rischio di tumore al polmone nei fumatori o nei soggetti esposti all’asbesto (amianto).

Come mangiare il radicchio? Sono tante le ricette che si possono preparare con il radicchio. Può essere impiegato, infatti, per la preparazione di antipasti come la torta salata al radicchio, ma anche di primi piatti raffinati e particolari. Si possono in tale senso preparare le penne al radicchio che risultano particolari per chi vuole portare un piatto particolare sulla tavola durante i giorni caldi d’estate. Si possono, in questo senso, cucinare anche le lasagne al radicchio. Il radicchio si può preparare anche alla griglia. In questo caso molta attenzione va data alla marinatura da fare per un po’ in abbondante olio extra vergine d’oliva a cui potete aggiungere un pizzico di pepe o di peperoncino. Ma attenzione niente sale. In questo modo il radicchio eviterà di seccarsi. La piastra in questo caso deve essere ben calda. Il radicchio così preparato è ottimo per essere gustato anche in modo semplice, ad esempio su delle fette di pane tostato.

Quali sono i benefici del radicchio alla salute? Il radicchio rosso è un concentrato di benessere. Contiene molti sali minerali e vitamine. In particolare, è ricchissimo di potassio, magnesio, calcio, zinco, fosforo, ferro, sodio, manganese, rame, vitamina C, vitamine del gruppo B, vitamina E, e vitamina K. Contiene, inoltre, tantissima acqua e fibre. Per questo possiede delle buone proprietà depurative. E’ ottimo per contrastare disturbi intestinali, come la stitichezza e le difficoltà digestive. le fibre che possiede aiutano ad abbassare i livelli di zuccheri e colesterolo nel sangue. Gli esperti consigliano il radicchio rosso a coloro che soffrono di diabete, specialmente il diabete di tipo 2. Il radicchio è consigliato anche a chi vuole tenere a bada il colesterolo. Avendo poche calorie è anche perfetto per chi deve seguire un regime dietetico ipocalorico. Come tutta la verdura e la frutta di colore rosso, anche il radicchio è ricchissimo di antiossidanti, in particolare triptofano e antociani. Due molecole che aiutano a prevenire i disturbi cardiocircolatori. Il triptofano, inoltre, ha anche un effetto positivo sul sonno e per questo aiuta a contrastare l’insonnia. Le vitamine e i sali minerali che possiede il radicchio lo rendono ottimo per rafforzare le difese immunitarie. In tal senso garantisce il corretto funzionamento del sistema nervoso e combatte alcune malattie della pelle, come la psioriasi e l’acne. Ovviamente, come tutti i rimedi naturali, il radicchio è un valido aiuto per la nostra salute, ma non può sostituire i farmaci. Per questo è sempre consigliato di rivolgersi al proprio medico per un consumo salutare di questa verdura.