Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Quanto è piccolo il mondo … del “currivu” (dispetto)
Cefalunews

Quanto è piccolo il mondo … del “currivu” (dispetto)

Quella sua casetta fina, tanto stretta al punto che … non è una nuova versione del celebre brano di Baglioni che ha fatto innamorare intere generazioni. E’ invece quanto succede in due località all’apparenza distanti in tutto. Cosa hanno, infatti, in comune Petralia Sottana e Beirut? Certamente il fatto che appartengono a due dei Parchi naturali più belli del mondo, caratterizzati da alberi straordinari (chi non conosce il Cedro del Libano, riportato anche nella loro bandiera, e il nostro Abies nebrodensis?). Per il resto due località che difficilmente avremmo potuto accostare se non fosse stato per l’idea “singolare” di due fratelli che hanno voluto far dispetto a lor parenti e vicini di casa. Così, mentre a qualche ora di volo dal Libano fanno gara per avere il grattacielo più alto, qualcuno a Beirut ha pensato di realizzare il primato della casa più stretta: 60 cm. Una casa che nasce dal rancore per una divisione ereditaria non ritenuta giusta. Per questo denominata Al Ba’sa, The Grudge in inglese: il “palazzo del rancore”. Ma il dispettoso libanese non è stato molto originale. Non ha fatto i conti con la fantasia sicula: l’idea di una “casa du currivu”, dispetto, era già stata messa in atto a Petralia Sottana. Anche in questo caso per dissapori, probabilmente, con i vicini o con qualche parente. Due case che in realtà sono solo dei prospetti, o poco più, sorte solo per … currivu.
Non sono in vendita, ma sicuramente dispongono di posto auto e vista mare. Sicuramente meno i palazzi alle spalle che la vista panoramica pensavano averla garantita …
Due contesti totalmente differenti. In un Libano reduce da una delle Guerre più terribili, dove i segni delle bombe sono ancora visibili nei prospetti delle case vere, certamente la Al Ba’sa oggi è anche un simbolo di rinascita e motivo per un sorriso. Solo sorrisi per la casa di Petralia Sottana, e pi currivu c’è chi chiede che questa casa dove “un si trasi” sia inserita nella lista dei monumenti patrimonio Unesco.
E dovevano essere soltanto un modo per fare un dispetto …