Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cosa succede a chi mangia origano per combattere i virus? Ecco l'incredibile risposta
Cefalunews

Cosa succede a chi mangia origano per combattere i virus? Ecco l’incredibile risposta

Cosa succede a chi mangia origano per combattere i virus? Mangiare origano aiuta a combattere alcuni virus. Un gruppo di ricercatori dell’Arizona ha scoperto che mangiare origano combatte alcuni virus grazie all’azione antivirale del carvacrolo. E’ la stessa sostanza che conferisce alla pianta di ordinano il caratteristico aroma. Il carvacrolo è uno dei più potenti antimicrobici e antivirali presenti nelle piante. L’olio essenziale riconosce diversi impieghi ma è molto potente e va maneggiato con cura, sapendo quello che si sta facendo. Ecco perché non va mai applicato puro sulla pelle. Si usa contro le malattie stagionali da raffreddamento come sinusiti, bronchiti e raffreddori. Oltre ad essere un antivirale l’essenza è fluidificante e spasmolitica. Basta lasciare le cime fiorite infondere in acqua bollente.

Mangiare origano aiuta a combattere le malattie respiratorie? La pianta di origano è un antibiotico naturale, utile a proteggere dalle malattie respiratorie. la pianta di origano, infatti, ha proprietà antinfiammatorie, antisettiche e antispasmodiche. E’ molto efficace contro lo stafilococco. Nell’aroma terapia la pianta di origano è utilizzata per la cura delle malattie che interessano le vie respiratorie e che possono colpire i bronchi, i polmoni e la gola. In particolare l’olio essenziale di origano può essere utilizzato per i suffumigi con acqua bollente e bicarbonato in caso di raffreddore e di naso chiuso. Fare gargarismi a base di acqua e origano, inoltre, è un rimedio per il mal di gola.

Mangiare origano combatte i batteri? Le proprietà antibatteriche della pianta di origano sono molto potenti. Uno studio ha dimostrato che l’olio essenziale di origano aiuta a bloccare la crescita dell’Escherichia Coli e del Pseudomonas aeruginosa, due batteri particolarmente pericolosi. L’infezione da Escherichia coli può provenire da acqua o cibo contaminati in particolare frutta e verdura, che vengono spesso consumati crudi, ma anche da latte non pastorizzato e carne non cotta abbastanza. Questo batterio è sensibile al calore: la cottura dei cibi, quindi, permette di neutralizzarlo. L’infezione da Pseudomonas aeruginosa, invece, è una tipica infezione nosocomiale, cioè nella maggior parte dei casi si contrae proprio in ospedale.

La pianta di origano può aiutare a ridurre le infezioni virali? La pianta di origano sarebbe in grado di contrastare l’azione dei virus. Tutto merito di due sostanze che contiene: il carvacrolo e il timolo. Uno studio americano dimostra che il carvacrolo è in grado di inibire il norovirus, un’infezione virale che causa diarrea, nausea e dolore allo stomaco. Un’altra ricerca, invece, evidenzia che timolo e carvacrolo inattiva il 90% dei virus dell’herpes simplex. La pianta di origano è facile da assumere. La pianta di origano, infatti, può essere aggiunta all’insalata, ma anche agli spezzatini e ai brasati, oltre che al pesce.

Come utilizzare la pianta di origano per curare gli stati influenzali? In genere chi soffre di bronchite e asma utilizza dei suffumigi e impacchi caldi. Il modo migliore per assumere origano prepararne l’infuso. Questa bevanda aiuta a combattere la tosse, scioglie il catarro e offre sollievo ai bronchi infiammati. Si prepara utilizzando i fiori e le foglie essiccate di questa pianta aromatica. Farli bollire in un pentolino con l’acqua, poi spegnere il fuoco e lasciare in infusione per una decina di minuti. Dolcificare utilizzando qualche cucchiaio di miele d’acacia e bere la bevanda calda, per sfruttare al meglio il suo effetto espettorante.

Share this