Lo stracchino è a rischio listeriosi? Attenzione al latte con il quale è fatto

Lo stracchino è a rischio listeriosi? Lo stracchino si può produrre sia con latte pastorizzato che con latte crudo. Quando lo stracchino è prodotto con latte crudo può diventare terreno fertile per il batterio Listeria monocytogenes che può causare la listeriosi. Per eliminare questo batterio occorre pastorizzare il latte. L’informazione secondo cui lo stracchino con latte pastorizzato è più sicuro, però, è parzialmente vera. Nei formaggi molli come lo stracchino la contaminazione ambientale può giocare un ruolo determinante. Il Ministero della salute ha richiamato più volte lotti di stracchino con presenza di listeriosi. Questo batterio si trova comunemente nel terreno e nell’acqua e può quindi facilmente contaminare ortaggi e verdure. Molti animali, inoltre, si possono infettare senza dimostrare sintomi evidenti e apparenti.

Lo stracchino fa ingrassare? Lo stracchino apporta un minore apporto calorico rispetto ai formaggi stagionati. Se consumato alle giuste quantità può essere adatto per chi è a dieta. Lo stracchino rispetto agli altri formaggi freschi è meno leggero. Contiene, infatti, una maggiore quantità di grassi saturi, che consumati in eccesso possono avere impatto su sovrappeso, pressione, colesterolo, malattie cardiovascolari e molti altri disturbi. Lo stracchino apporta più calorie di altri formaggi freschi. 100 grammi di stracchino contengono circa 300 calorie contro le 170 calorie della ricotta. Per non ingrassare occorre consumare lo stracchino in alternativa ad altre fonti proteiche come uova, carne, pesce. Occorre mangiare lo stracchino per un paio di volte a settimana e non superando i 100 grammi per porzione.

Lo stracchino si può mangiare in gravidanza? Lo stracchino è un formaggio molle. Mangiare lo stracchino in gravidanza comporta alcuni problemi. Lo stracchino può contenere il batterio che causa la misteriosi. Lo stracchino in quanto formaggio molle ha una breve stagionatura e può essere prodotto sia con latte pastorizzato che con latte crudo. Il latte in gravidanza, se crudo, può contenere il batterio che causa la listeriosi. Lo stracchino in gravidanza, quindi, si può consumare solo se si è certi che è stato fatto con latte pastorizzato. La confezione di stracchino deve riportare la dicitura “prodotto con latte pastorizzato” per avere la certezza che non sia stato contaminato. Prima di mangiare lo stracchino in gravidanza è bene chiedere consiglio al proprio medico.

Lo stracchino si può congelare in frigo? In linea generale lo stracchino, essendo un formaggio molle, non si può congelare. Lo stracchino, infatti, non deve mai andare in freezer. Questo perché cambierebbe la loro struttura molecolare con probabile deterioramento. Lo stracchino va conservato in frigorifero, in un contenitore ben chiuso. Lo stracchino va consumato in genere entro 1-2 giorni dall’acquisto. Se nello stracchino si forma della muffa è necessario gettarlo. La muffa nello stracchino, infatti, indica che il prodotto non è più commestibile. Attenzione a non mettere lo stracchino in frigo a contatto con verdure non lavate. Si potrebbero verificare contaminazioni batteriche. Lo stracchino andrebbe conservato avvolto in una pezzuola di lino umidificata e disposto in vassoio coperto da campana di vetro.

C’è differenza fra lo stracchino e la crescenza? Lo stracchino è un formaggio di latte vaccino la cui stagionatura dura una settimana. La crescenza è un formaggio di latte vaccino la cui stagionatura dura 20 giorni. 100 grammi di stracchino apporta 300 calorie. La stessa quantità di crescenza, invece, apporta 257 calorie. Nello stracchino non vi sono carboidrati che sono presenti, invece, nella crescenza. In 100 grammi di stracchino vi sono 19 grammi di proteine contro i 17 della crescenza. In 100 grammi di stracchino vi sono 25 grammi di grassi contro i 20 della crescenza. Lo stracchino e la crescenza non possiedono fibre. Sapore, consistenza e colore di stracchino e crescenza rimangono comunque simili. Uguale in entrambi la quantità di acqua.

Torna in alto