Come mangiare la pasta per abbassare il colesterolo? Ti sveliamo il segreto della nonna

Che cos’è il colesterolo? Il colesterolo è un grasso indispensabile per molte funzioni. Viene prodotto dal fegato e in parte viene assunto attraverso l’alimentazione. Il colesterolo, essendo un grasso, non si scioglie nel sangue ma trasferito agli organi che poi lo utilizzeranno. Lo trasportano le lipoproteine: le HDL (il cosiddetto “colesterolo buono”) e le LDL (il cosiddetto “colesterolo cattivo”). Le prime se presenti in quantità eccessive si legano alle pareti delle arterie formando delle placche che possono ostruire il passaggio del sangue. Le lipoproteine HDL agiscono da vero e proprio spazzino delle arterie. Ecco perché se la loro quantità è al di sopra della norma, è addirittura un fattore positivo. Il colesterolo totale deve essere inferiore a 200 milligrammi per decilitro di sangue. Quello cattivo inferiore ai 115 e quello buono non inferiore a 50.

La pasta aiuta ad abbassare il colesterolo? In caso di colesterolo alto bisogna mangiare la pasta integrale. Bisogna, però, stare molto attenti ai condimenti della pasta. Ad innalzare il colesterolo sono i cibi con grassi saturi, di origine animale. Mentre quelli insaturi, di origine vegetale, possono abbassarlo e contribuire ad innalzare quello buono. Nei condimenti della pasta bisogna evitare burro, lardo, strutto e preferire invece oli vegetali polinsaturi o monoinsaturi come soprattutto l’olio extravergine di oliva. Attenzione anche ai grassi presenti in insaccati, formaggi e uova.

Pasta e fagioli fa bene al colesterolo? Certo. E’, infatti, un piatto saziante. L’associazione legumi (fagioli) e cereali (pasta) migliora senza dubbio la qualità proteica. Gli aminoacidi di cui sono carenti i fagioli vengono forniti dalla pasta e viceversa. Grassi e colesterolo sono molto limitati. Buona la presenza di fibre. Una porzione contiene 115 Kcal di calorie, 18.8 grammi di carboidrati, 5.8 grammi di proteine, 2.4 grammi di grassi, 33.8 mg di colesterolo e 3 grammi di fibre. I grassi saturi sono 0,60 grami di cui monosaturi 1.30 grammi e polinsaturi 0.50 grammi.

Pasta pomodoro e zafferano fa bene al colesterolo? Questa ricetta è consigliata a chi soffre di colesterolo. I valori nutrizionali per una porzione di questo piatto sono 331 kcal di energia, 10,5 grammi di proteine, 66.8 grammi di glucidi, 4.3 grammi di lipidi e 5.5. mg di colesterolo. Il colesterolo è un grasso di derivazione esclusivamente animale. Non è quindi presente in frutta e verdura o altri elementi di origine vegetale.

La pasta con la salvia fa bene al colesterolo? Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che la salvia può aiutare a ridurre il colesterolo cattivo che si accumula nelle arterie. Nella pasta la salvia fa bene ma è soprattuto come tisana che aiuta chi soffre di colesterolo alto. Uno studio condotto da ricercatori portoghesi ha concluso che il consumo della tisana di salvia due volte al giorno per due settimane è molto efficace nell’abbassare il colesterolo cattivo e quello totale.

La pasta con le zucchine fa bene al colesterolo? Una porzione contiene 5,15 mg di colesterolo. Ed ancora 375 cal di energia, 13,8 grammi di proteine, 65,4 grammi di glucidi, 8.87 grammi di lipidi. La posta con zucchine fa bene al colesterolo perché nelle zucchine è presente una fibra alimentare che favorisce l’espulsione di colesterolo cattivo. Ecco perché le zucchine sono un ottimo aiuto per chi soffre di colesterolo alto. Le zucchine sono anche caratterizzate da un bassissimo apporto vitaminico.