Ex stazione di Lascari una poesia: «Ultimu gridu»

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo una poesia a firma di Salvatore Pizza sulla stazione di Lascari abbattuta nei giorni scorsi

ULTIMU GRIDU

Duminica Iurnu di lu Signuri XIX mu di lu misi di frivaru annu sparu.

Lu suli pi lu so versu è arragiatu, comu se vulissi mettiri l’ invernu di latu. A nenti sirberu dinunci, politica e diplomazia, n’terra oramai hai di iri stazioni bedda mia.

Sugnu davanti a stù patibulu e tu, o stazioni, si fiera e pronta pi la tua totali distruzioni, è sentu in mia una granni emozioni.

Mi mettu di fronti a idda e appassionatu la taliu. Sentu lu straziu di li sò mura giunti all’ultima ura. N’tà lu me cori si fa spaziu e di li sentimenti fazzu sti considerazioni:

e scrivu la sò gridu accussì:

“ M’hannu oramai svintratu, lu cori e li purmuna n’hannu strappatu, ma lu miu ricordu resta c’à e nun sarà mai dimenticatu”.

Viditi sugnu ancora aggritta oramai pi poco, nautru iurnu d’agonia e poi puru li mattuna porteranno via, v’àrresterà n’tà stu spazio limitatu lu ricordu di la storia mia e di lu vostru passatu.
All’ura cuncurdata unnumani la ruspa è pronta pi la prima spalata, un corpu a lu tettu e alla fiancata e la fini di chi sta storia è arrivata, si chiudi n’trà lu scuru e la matinata di stà iurnata cu la stazioni chi veni definitivamenti n’terra ittata.

Di prima matina mi prisintai nun tantu m’avvicinaiu, di lu stratuni taliaiu, l’aria du un sintimentu amaru mi purtaio.

C’era un forestieri a latu a mia e mi dissi:
“Eppuru si putia!”
O lascarotu che dopu leggerai si, davveru nun fummu capaci, pirchì lu lascarotu pi sua natura nun né amanti di mettiri fuocu n’tà la braci, e accostu di rinunciari a li sò diritti vuoli stari in paci.
Lascari 23 febbraio 2017. Ore 19,38