Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Lo sfincione delle monache: una tradizione della festa del Salvatore
Cefalunews

Lo sfincione delle monache: una tradizione della festa del Salvatore

Un piatto tipico della storia cefaludese è il pane delle monache. Veniva distribuito dalle monache del monastero di santa Caterina che si trovava di fronte la Cattedrale. Si preparava con la prima farina che arrivava al monastero dopo la mietitura del grano. Questo pane particolare veniva impastato e fatto cuocere per essere distribuito durante il mercato che si teneva a Cefalù durante i festeggiamenti del Salvatore fra il 2 e il 10 agosto. Le monache impastavano la farina e sulla pasta mettevano pomodoro, cipolla, acciughe e pan grattato. Dopo averlo cotto nel forno si tagliava a fettine e si portava in piazza per essere distribuito alle persone che arrivano da tutte le parti per il mercato. Era il dono delle monache agli ospiti che arrivavano a Cefalù per il grande mercato del Santissimo Salvatore. Presto anche le famiglie dei cefaludesi iniziano a preparare questo particolare pane che nel corso dei secoli cambia di nome. Il pane delle monache diventa dapprima “la sfincia del Salvatore” e in epoca più recente il tradizionale sfincione.

La ricetta del Pane della monache

Ingredienti per una teglia di sfincione: 500 grammi di farina, crescente, 50 grammi di olio, 700 grammi di pomodoro, 300 grammi di cipolle dorate, pangrattato e acciughe sott’olio.  Preparazione: dopo avere lavorato l’impasto vi si versa dell’olio per farlo assorbire e si lascia a lievitare. Mentre l’impasto lievita si prepara il condimento. Si versa la cipolla tagliata a rondelle in un tegame insieme a 20 grammi di olio. Si fa stufare a fiamma molto bassa e vi si aggiunge 50 grammi d’acqua. Il tutto si fa cuocere per una decina di minuti. Vi si unisce il pomodoro e si fa cuocere per 30 minuti mescolando di tanto in tanto. Quando si ottiene il sugo si fa raffreddare a temperatura ambiente e si tosta il pan grattato in una padella con 20 grammi di olio facendolo cuocere per qualche minuto mescolando spesso. Si unge la teglia con dell’olio. Si prende l’impasto lievitato e vi si versa. Vi si stende distribuendolo su tutta la superficie. Il tutto si lascia lievitare ancora per trenta minuti nel forno spento. Si riprende la teglia e vi si distribuisco le acciughe. Vi si versa il sugo di pomodoro e dopo averlo cosparso con il pane grattato e tostato si fa cuocere in forno preriscaldato a 200° per circa 50 minuti. Una volta cotto si taglia e divide in pezzi pronti da mangiare.