Serie A, ecco i migliori assist-man della scorsa stagione

La scorsa stagione si è chiusa con una corsa incredibile verso lo scudetto, che ha premiato, alla fine, il Milan, protagonista di una serie di vittorie consecutive davvero notevole. Insomma, a vincere lo scudetto, alla fine, è stata la squadra che ha sbagliato di meno, visto che l’Inter ha pagato carissimo la sconfitta rimediata sul campo del Bologna.

Non c’è stata solamente l’assegnazione del tricolore, dato che le emozioni non sono mancate anche grazie a diversi calciatori che hanno dato vita a performance di altissimo livello. Ad esempio, come ben sanno gli appassionati di pronostici e migliori bonus scommesse, chi riesce a sfornare passaggi illuminanti e assist al bacio, sa essere decisivo quanto e come chi invece è il protagonista dei gol messi a segno agli avversari.

Domenico Berardi, mister assist

Al primo posto nella classifica dei migliori assist-man c’è un solo giocatore, che ha sicuramente disputato una delle sue migliori stagioni nel campionato italiano. Stiamo facendo riferimento a Domenico Berardi, campione d’Europa lo scorso anno con la Nazionale italiana e punto di riferimento importante per il Sassuolo.

Anche se le voci circa un suo trasferimento durante la sessione estiva del calciomercato continuano a rincorrersi, bisogna ammettere come nessuno abbia saputo fare meglio di lui per quanto riguarda gli assist distribuiti ai compagni.

Berardi, con la maglia neroverde della compagine emiliana, ha sfornato la bellezza di ben 13 assisti per i propri compagni. Non solo, dal momento che, in quella che è stata la stagione migliore dell’intera sua carriera, ha siglato pure 15 gol. Nonostante il Sassuolo abbia chiuso il campionato con dodici punti in meno rispetto a quanto fatto nella stagione precedente, per Berardi senz’altro si è trattato di un campionato da top player.

Chi c’è sul podio

Sul secondo e terzo gradino del podio troviamo addirittura due nerazzurri. L’Inter è stata una delle squadre che hanno saputo andare in rete con tanti giocatori differenti, merito anche del gioco corale di Simone Inzaghi, che ha visto due interpreti eccezionali nel turco Hakan Calhanoglu e nel centrocampista ex Cagliari Barella.

Il turco è stato protagonista di un addio piuttosto clamoroso, dato che l’anno scorso, durante l’estate, aveva lasciato il Milan a parametro zero per accettare la corte dell’Inter, nella speranza di poter vincere qualche trofeo. Probabilmente la dea bendata ha voluto fargli uno scherzetto, dal momento che poi a vincere lo scudetto sono stati proprio i rossoneri. D’altro canto, Calhanoglu si è potuto consolare vincendo sia la Coppa Italia che la Supercoppa Italiana, sempre ai danni della Juventus.

Ebbene, nello scorso campionato, entrambi i centrocampisti dell’Inter sono stati in grado di andare in doppia cifra per quanto riguarda gli assist forniti ai compagni. Il turco ha confezionato 12 assisti per i propri compagni, a cui si devono aggiungere pure 7 reti, un bottino non indifferente. Ottimo anche il computo finale in tema di assist per Barella, che si è resto protagonista con 11 assist.

L’ex centrocampista del Cagliari ha sicuramente disputato una grande stagione, diventando il vero e proprio trascinatore della compagine nerazzurra in un gran numero di occasioni. Il buon Nicolò, anch’egli campione d’Europa con la Nazionale guidata da Roberto Mancini si può paragonare a un vero e proprio motorino che è risultato decisivo in tante partite.

Alle spalle di Barella, ecco un quartetto d’eccezione, che è riuscito a toccare in ogni caso la doppia cifra in tema di assist. Si tratta di Leao, Luis Alberto e Milinkovic-Savic della Lazio, ma anche Antonio Candreva, protagonista di un’ottima stagione vestendo la casacca della Sampdoria. In modo particolare il rossonero è stato letteralmente straripante, uno dei punti di forza che hanno spinto il Milan verso un tricolore che mancava da tantissimo tempo.