Il maresciallo che non dorme due notti pur di trovare Luana

Non ha dormito per due notti pur di trovare Luana, la ragazza che era scomparsa nei giorni scorsi da Campofelice di Roccella. A far conoscere qualche particolare della vicenda che ha tenuto con il fiato sospeso un intero territorio è il legale della famiglia della ragazza, l’avvocato Giuseppe Di Maggio, che dal suo profilo facebook, quando è stata trovata la ragazza, ringrazia tutti i Campofelicesi per la solidarietà dimostrata e rivolge le congratulazioni al Comandante della stazione dei carabinieri di Campofelice, il maresciallo Ignazio Piraino (nella foto), e al Capitano dei Carabinieri di Cefalù Guglielmo Palazzetti.

«I carabinieri sono stati costantemente vicini alla famiglia e a me personalmente come legale – commenta l’avvocato Di Maggio – io ho contattato il maresciallo Piraino, Comandante della Stazione di Campofelice e l’ho trovato operativo anche la notte a lavorare sulla vicenda. Abbiamo collaborato scanbiandoci le informazioni che poi hanno consentito di localizzare la ragazzina. Ho constatato che, come noi, anche il maresciallo Piraino non ha dormito per due notti lavorando alacremente sino a quando mi ha ufficialmente comunicato la presa in carico di Luana da parte della Polfer di Napoli». Il maresciallo Piraino è stato costantemente in contatto con il suo capitano che guida la compagnia dei carabinieri di Cefalù. «Purtroppo – continua Di Maggio – arrivavano informazioni errate su varie localizzazioni che creavano molta confusione ed è il motivo per il quale ho suggerito ai genitori di non accogliere l’invito della trasmissione “Chi l’ha visto”, che ci ha contattati per un appello alla ragazza, proprio perchè ho valutato che ciò avrebbe comportato ulteriori equivoci avvistamenti che avrebbero pregiudicato la localizzazione».