Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Croci: ciascuno assuma davanti ai cittadini la propria responsabilità
Cefalunews

Croci: ciascuno assuma davanti ai cittadini la propria responsabilità

Una settimana fa ho dato pubblicamente la mia disponibilità a candidarmi a sindaco di Cefalù con un progetto di governo innovativo e di forte discontinuità col passato, fondato sulla tutela e valorizzazione del territorio, a condizione di unire le forze in grado di dar vita a una coalizione competitiva sul piano elettorale.L’ho fatto non solo per la spinta di tante persone che hanno a cuore Cefalù e per senso di responsabilità di chi mi aveva già espresso il suo consenso alle scorse elezioni, ma anche consapevole di essere in grado di attrarre nuove energie e competenze a favore di una città immobile da molti anni.
Mi sono rivolto direttamente a Pippo Guercio e a Fabrizio Piscitello e a quanti aveva manifestato l’intenzione di presentare un proprio progetto politico per verificare la loro disponibilità a convergere su una proposta comune più alta e forte, che resta la condizione per un mio impegno. Il risconto è stato positivo da parte di Pippo Guercio, Stefano Cirillo, Mario Macaluso e altre forze indipendenti.
Resto convinto che a Cefalù si debbano superare gli interessi particolari per realizzare un salto di qualità dell’amministrazione comunale e creare le condizioni per uno sviluppo sostenibile.Cinque anni fa elencavo le azioni necessarie nel mio programma, reperibile al seguente link. Resta,purtroppo, un programma attualissimo, perché quasi nulla si è fatto nel frattempo ed ulteriori urgenze si sono manifestate.

Negli incontri che ho avuto ieri a Cefalù, ho sentito una reale voglia di cambiamento da parte di tanti cittadini attivi nell’imprenditoria, nella cultura e nel volontariato, disponibili a partecipare in prima persona ad un progetto di rilancio di Cefalù che abbia una levatura diversa dalle vecchie logiche della politica. Credo sia dovere di tutti far sì che queste aspettative non vadano deluse. Ciascuno si deve ora assumere davanti ai cittadini la responsabilità delle conseguenze delle proprie scelte sul futuro di Cefalù.

Edoardo Croci