Una borsa di studio per ricordare Florence che amava la Giudecca

A Cefalù una borsa di studio per ricordare Florence Casella. A donarla la sorella Arcangela. Sarà assegnata al vincitore di un contest fotografico sulla Giudecca di Cefalù, luogo tanto amato da Florence.

Florence è nata in un paesino vicino Ginevra in Svizzera. Figlia di Vincenza Valenziano di Cefalù e Giuseppe Casella di Termini Imerese. E’ cresciuta in Svizzera ed ha studiato  a Ginevra ma la sua lingua materna e la sua cultura erano totalmente siciliane. Ogni estate la sua mamma tornava con i suoi 4 figli per le vacanze a Cefalù per ritrovare la sua famiglia e per Florence era una gioia enorme ritrovare i parenti, la Giudecca, la Calura e la bellissima Cefalù. I nonni abitavano al n. 8 della via Giudecca un appartamentino di tre stanze ma in estate diventava un magnifico castello. Infatti tutti i nipoti si ritrovavano dai nonni e in quel piccolo appartamentino si ritrovavano più di dieci persone ed era fantastico. Florence ha imparato a nuotare nelle “ciotta “ della Giudeca, e quando il bagno era finito andava  con tutti a farsi la doccia al pontile o nell’acqua fresca di Presidiana. La sera andava con la nonna la mamma e la zia Margherita a passeggio fino a Sant’Antonio dove l’aria era fresca (non c’era ancora il depuratore in quella zona) e giocava a nascondino. In quella via tutti si conoscevano e delle bellissime amicizie sono nate. La sera i ragazzi della Giudecca si ritrovavano a parlare al “cannolo” e poi si usciva per la città. Gli anni passano. Florence amava viaggiare e vedere nuovi orizzonti ma nel suo cuore restava sempre la Giudecca. Tornarvi per lei era importantissimo. Il più bel regalo che gli amici e i parenti potevano farle per le sue vacanze era un giro in barca per vedere la sua Giudecca dal mare. Era innamorata della Giudecca e della magnifica Cefalù. 

Florence ha lasciato questa terra prematuramente ed Arcangela nella sua tomba ha fatto realizzare e scolpire la Giudeca tanto amata da Florence.