Realtime blog trackingRealtime Web Statistics La cannella abbatte la glicemia? La risposta della medicina
Cefalunews

La cannella abbatte la glicemia? La risposta della medicina

La cannella abbatte la glicemia? Sì. Bastano pochi grammi di cannella al giorno, mescolata magari a latte o yogurt, per abbattere fortemente la glicemia. A rivelarlo è stata una ricerca inglese effettuata sulla cannella. Sono state scoperte proprietà ipoglicemizzanti e ipotensive molto importanti. Su soggetti affetti da diabete del tipo 2, quello non insulina dipendente, sono stati evidenziati abbassamenti della glicemia e della pressione. Assumendo 2 grammi circa di cannella durante i pasti viene rallentata la velocità di svuotamento gastrico e ridotto l’aumento di glucosio nel sangue dopo aver mangiato. La cannella, infatti, attacca gli zuccheri rilasciati e ne riduce l’assorbimento ematico. Alcuni benefici della cannella sono ben noti nella medicina ayurvedica. Tutto questo si deve alla presenza di un polifenolo, l’MHCP che stimola i recettori dell’insulina. In precedenza uno studio pakistano aveva dimostrato la capacità della cannella, somministrata in dosaggi da 1 a 6 grammi al giorno in pazienti affetti da diabete di tipo 2, di abbassare significativamente i livelli ematici di glucosio, emoglobina glicosilata, trigliceridi e colesterolo. Alcuni studi recenti sembrano ridimensionare il ruolo della cannella nella terapia del diabete.

MIGLIORI INTEGRATORI PER DIMAGRIRE: ORA IN OFFERTA SPECIALE
CLICCA QUI

Come utilizzare la cannella per avere effetti positivi sulla glicemia? Lo studio in lese ha dimostrato che 2 grammi al giorno di cannella associati ad un’alimentazione equilibrata sarebbero sufficienti a produrre effetti positivi sui livelli di glicemia. Gli effetti positivi si avrebbero anche nei confronti della pressione arteriosa in pazienti diabetici. Per ottenere questi benefici si può usare la cannella in polvere. Basta scioglierla in acqua e dare vita ad una prodigiosa tisana. In alternativa si può anche utilizzare l’olio essenziale di cannella, che si può utilizzare per dei suffumigi utili in caso di malattie da raffreddamento. Il suo uso topico però è da valutare con attenzione poiché può causare irritazioni alla pelle o reazioni allergiche. La cannella da assumere durante i pasti per abbattere la glicemia si può anche sciogliere nel latte o in dello yogurt.

Quali sono i benefici della cannella? La cannella contiene l’aldeide cinnamica che svolge azione anticoagulante ed antitrombotica. Questa molecola, infatti, inibisce il rilascio di acido arachidonico. E’ una molecola chiave della risposta infiammatoria. Ecco perché la cannella è anche un antinfiammatorio naturale. La cannella svolge un’attività antibatterica. Possiede, infatti, delle proprietà antibatteriche ed antimicotiche. In altre parole è in grado di contrastare la crescita di batteri e funghi come, ad esempio, la Candida. La cannella è un’ottima alleata del sistema cardiovascolare:. La cannella protegge il nostro sistema cardiovascolare. La cannella protegge anche il cervello e lo difende da malattie neuro degenerative. La cannella possiede anche delle proprietà antiossidanti. Per questo ha azione protettiva dai danni causati dall’invecchiamento cellulare. La cannella facilita la digestione e aiuta l’intestino perché contiene fibre che contribuiscono al benessere dell’intestino. La cannella è anche capace di contrastare la dispepsia e i gas intestinali. La cannella è un ottimo rimedio per i sintomi influenzali e per il mal di gola. Basta per questo utilizzarla come tisana per ottenere un immediato sollievo. La cannella è anche un’ottima amica della pelle. In questo caso per vedere i suoi benefici basterà applicarla localmente per accorgersi che protegge la pelle da irritazioni e arrossamenti. Tutto questo grazie alla virtù antimicrobiche e antinfiammatorie che possiede la cannella. La cannella può ridurre la proliferazione delle cellule tumorali. A dimostrarlo è stata una ricerca condotta presso l’Università del Texas, pubblicato sulla rivista Nutrition and Cancer. La cannella, quindi, è una buona prospettiva per la prevenzione del cancro.