Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Erano stati anche a Cefalù i turisti di Bergamo con il Coronavirus
Cefalunews

Erano stati anche a Cefalù i turisti di Bergamo con il Coronavirus

Erano stati a Cefalù, nella giornata di lunedì, i trenta turisti di Bergamo tra cui i tre scoperti con il Coronavirus. Lo rivela l’edizione bergamasca del Corriere della Sera. «Dalle prealpi orobiche al mare di Mondello, il coronavirus l’hanno portato i bergamaschi, negli ultimi due giorni di un viaggio organizzato: bergamaschi della Val Seriana, e forse non è una coincidenza, trattandosi della zona dove si stanno verificando più casi in assoluto, tanto che la Regione sta valutando l’esistenza di un nuovo focolaio». Il gruppo di trenta turisti, quasi tutti pensionati, erano partiti venerdì da Orio al Serio alla volta del capoluogo siciliano, con un viaggio organizzato da un’agenzia di città. Temperature miti, bel tempo, visite a Taormina e Monreale nel weekend, ma facendo sempre base a Palermo. Lunedì, invece, il tour alle ville di Bagheria e Cefalù, mentre per martedì era previsto un altro giro fuori città. Un giro che non hanno potuto fare perché nella notte una donna di 61 anni di Gandino, in viaggio con il marito di 67, ha iniziato ad avere la febbre. Dall’Hotel Mercure, in centro, è stata trasportata all’ospedale Cervello. Qui è arrivato l’esito inesorabile: coronavirus. La pensionata è sempre rimasta lucida e ha ricostruito, con le autorità sanitarie locali, tutti gli spostamenti del gruppo. L’Hotel Mercure è stato chiuso fin dall’alba a tutti gli altri clienti. Per gli altri 29 bergamaschi della comitiva è scattato subito il regime di quarantena. Tutti sono rimasti nelle loro stanze mentre per loro sono arrivati i tamponi che per due di loro hanno dato positivo. Il gruppo, secondo le normative e le procedure diffuse a livello nazionale dal governo, dovranno restare in quarantena per quattordici giorni. Sarebbero dovuti rientrare nella giornata di mercoledì ma così non è stato. Bisogna restare in albergo in osservazione «domiciliare» e garantire un decorso di due settimane per poi capire se nessun altro ha contratto il coronavirus. A Cefalù, intanto, sono diversi che dicono di avere visto e incontrato il gruppo di turisti bergamaschi.