La sfida tra le prime della classe viene vinta 5 – 1 dagli azzurri. Milan e Inter in campo oggi

La sfida tra le prime della classe viene vinta 5 – 1 dagli azzurri.
Il Napoli vince di larga misura lo scontro diretto contro la Juventus. E vola in testa alla classifica della Serie A TIM, con 10 punti di vantaggio su Juventus e Milan, in campo oggi a Lecce.

Il predominio degli azzurri si concretizza al quarto d`ora, quando Kvaratskhelia gira in porta su cross di Politano. Szczesny si supera nella deviazione, ma la sua respinta finisce sulla testa di Osimhen che non sbaglia l`appoggio in rete.

La Juventus reagisce subito, guidata dalle intuizioni di Di Maria. Al 20` il fantasista argentino lascia partire il suo sinistro da fuori area che si stampa sull`incrocio dei pali.
Al 39` Bremer pasticcia in area, Osimhen ne approfitta per servire Kvaratskhelia, che colpisce di prima rasoterra e firma il raddoppio.
Gli ospiti accorciando subito le distanze, sempre grazie a un colpo da biliardo di Di Maria. Su assist di Milik.

Dagli spogliatoi il Napoli rientra con un cambio forzato: fuori Politano infortunato e dentro Elmas. Al 55` Rrahmani, sugli sviluppi di un corner, riceve palla nei pressi del limite dell`area, da dove fa partire un destro imprendibile per il portiere, coperto da numerosi giocatori. Nel frattempo Allegri deve cambiare Locatelli, uscito tumefatto da uno scontro fortuito con il centravanti avversario.

Al 65` Osimhen mette il sigillo sulla sua prestazione, segnando di testa il gol che chiude l`incontro. Su traversone millimetrico del solito Kvaratskhelia. I bianconeri sbandano travolti dalle folate dei padroni di casa che al 72` passano ancora. Elmas riceve da Di Lorenzo, si accentra dalla fascia e calcia in porta di sinistro, trovando la deviazione di Alex Sandro che alza la traiettoria ingannando Szczesny, ancora impossibilitato a intervenire. A risultato acquisito gli allenatori pensano al futuro, Allegri risparmia minuti a Chiesa e Di Maria, Spalletti concede la passerella a Osimhen.

Per la seconda volta nella storia della Serie A il Napoli segna 5 gol alla Juventus.

LECCE-MILAN (sabato 14 gennaio, ore 18.00)

La sfida tra le prime della classe. Il Lecce ha vinto solamente due delle 32 partite di Serie A TIM contro il Milan (2-1 nel 1997 e 1-0 nel 2006). 6.3% di successi, la seconda percentuale più bassa tra le squadre affrontate almeno 10 volte nella competizione (6.1% v Roma). I rossoneri sono imbattuti da otto incontri di Serie A TIM contro i giallorossi (5V, 3N), parziale in cui il Milan ha realizzato 20 reti, una media di 2.5 a partita.

Lorenzo Colombo è il giocatore del Lecce che ha preso parte a più reti in questa Serie A TIM (sei, quattro centri e due assist) – l`attaccante classe 2002 ha giocato 11 partite con la maglia del Milan, andando anche in rete nelle qualificazioni per l`Europa League 2020/21 contro il Bodø/Glimt.

INTER-VERONA (sabato 14 gennaio, ore 20.45)

La sfida tra le prime della classe. L`Inter è imbattuta da 22 partite di Serie A TIM contro il Verona, grazie a 18 successi e quattro pareggi (50 reti nel parziale, 2.3 di media a match) – l`ultimo successo gialloblù risale infatti al 9 febbraio 1992 (1-0 firmato da Ezio Rossi).

Dopo il 2-0 contro la Cremonese nell`ultimo turno, il Verona potrebbe vincere due gare di fila in Serie A TIM per la prima volta dal gennaio 2021 e tenere la porta inviolata per due consecutive nella competizione per la prima volta dal settembre 2020.

(Foto LaPresse)
FIGC