Castelbuono: nuova ordinanza per rimuovere veicoli abbandonati e attrezzi agricoli

Il Comune di Castelbuono riafferma con forza il proprio impegno verso la salvaguardia del territorio, riconoscendo l’importanza cruciale di questi principi per il benessere della comunità. La tutela dell’ambiente e della salute pubblica sono al centro delle nuove misure decise dall’amministrazione comunale per affrontare il problema degli elementi ingombranti e potenzialmente nocivi.
In quest’ottica, il Sindaco Mario Cicero ha emanato un’ordinanza che impone a tutti i cittadini di contribuire attivamente alla tutela ambientale. Questa ordinanza mira a eliminare i materiali abbandonati che causano degrado ambientale e paesaggistico e che possono diventare fonti di inquinamento. In dettaglio l’ordinanza prevede la rimozione di veicoli abbandonati o di parti di essi, così come di attrezzature agricole ed edili fuori uso, che includono ma non si limitano a: trattori, aratri, motocoltivatori, montacarichi, betoniere, gru, ponteggi, escavatori. Ed ancora altri materiali e rottami metallici. Apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) lasciate incustodite e esposte agli agenti atmosferici.
Ogni cittadino di Castelbuono è tenuto a conformarsi all’ordinanza entro 90 giorni dalla data di emissione. Questo implica la rimozione di tutti i materiali ferrosi presenti nelle proprietà private. L’obiettivo è garantire la salubrità dei suoli e del sottosuolo, contribuendo così a un ambiente più pulito e sicuro per tutti.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto