Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cefalù: una serata sul lungomare a favore dei terremotati
Cefalunews

Cefalù: una serata sul lungomare a favore dei terremotati

Anche a Cefalù Mario Venuti e tanti altri artisti siciliani per una serata, tra musica originale d’autore e comicità di primo livello, dove raccogliere fondi da destinare a quei paesi del Centro Italia colpiti dalla forte scossa di terremoto di magnitudo 6.0 che ha sconvolto la regione appenninica centrale della Penisola lo scorso 24 agosto. La seconda tappa è stasera, venerdì 23 settembre alle 21 sul lungomare di Cefalù per “Qualcosa si può fare – Artisti siciliani insieme per il Centro Italia”, ovvero l’insieme dei concerti che sta vedendo protagonisti cantanti, attori, talenti siciliani e non solo. Protagonisti di stasera saranno: Mario Venuti, Nkantu d’Aziz, I Cirrone, Giulia Catuogno, Radio Sud, Taligalè, Carmelo Fileccia, Toti e Totino, Roberto Pizzo. I fondi raccolti saranno destinati anche questa volta all’Anci l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, affinché raggiungano direttamente i sindaci dei Comuni colpiti dal terremoto, in nome della massima trasparenza. Ogni singolo centesimo conquistato sarà interamente devoluto, senza nessuna voce di spesa da detrarre.

La raccolta verrà realizzata nelle piazze deputate, alla presenza di uomini delle Istituzioni (notai e rappresentanti ufficiali), che ne garantiranno l’integrità. A presentare la serata saranno: Mario Caminita, Massimo Minutella, Beppe Palmigiano, Vincenzo Canzone, Licia Raimondi, Maurizio Gagliardo, Domenico Cannizzaro, Stefania Blandeburgo, Natale Schiera. “Qualcosa si può fare” è un’idea di Mario Caminita condivisa con Luigi Gattuso e Mariano Tarsilla della scuola di musica e arte Cast. L’offerta per l’appuntamento di Cefalù è libera. L’ultimo evento “Qualcosa si può fare” sarà domenica 25 settembre al Teatro di Verdura. Si esibiranno: Mario Incudine, Frequenze Retrò, Chiara Minaldi, Pupi di surfaro, Tamuna, Radio Sud, Tre Terzi, Le Formiche, Arie di Sicilia, Stefano Piazza I Respinti. L’ingresso è gratuito.