Oltre un migliaio le firme alla petizione che dice «no» al circo con animali a Cefalù

Hanno varcato il migliaio le firme arrivate alla petizione che chiede di non autorizzare gli spettacoli del circo con animali a Cefalù. A lanciare la petizione l’avvocato Vincenzo Callari. In pochi giorni a firmarla sono stati tantissimi e ad oggi sono 1.097 i sostenitori. La petizione chiede al sindaco di Cefalù «di non rilasciare o revocare eventuali titoli autorizzatori tesi a consentire lo svolgimento di spettacoli circensi nel territorio cittadino programmati nel periodo compreso tra il 20 ottobre e il 7 novembre». E così giustifica il tutto: «la cattura dal loro ambiente naturale, la detenzione, l’addestramento, sono fonti di grande sofferenza per gli animali che sono costretti a comportamenti contro la loro natura ed etologia. Gli animali non si divertono, ma vivono nel dolore e la paura. Riteniamo che questo tipo di spettacoli sia altamente diseducativo nei confronti dei bambini e delle giovani generazioni, costruendo una conoscenza del tutto errata del mondo animale e della natura». Uno spettacolo, quello del circo, che secondo quanti hanno firmato la petizione «è ben poco confacente ad una cittadina nella quale dimora un bene patrimonio dell’Unesco».

La petizione on line