Castiglia a Roma per eleggere il presidente della Figc

Stefano Castiglia a Roma per partecipare alle eleziioni del presidente della Federazione italiana gioco calcio. Vi partecipa quale delegato del calcio a 5 nazionale. «È un grande orgoglio – commenta – sia da delegato ma soprattutto da cefaludese. Possiamo dire che Cefalù è nel calcio che conta». Il nome del presidnete si conoscerà fra qualche ora. Verrà eletto tra i due candidati Carlo Tavecchio (presidente in carica) e Andrea Abodi (dimissionario presidente della Lega B). Le elezioni si tengono all’Hilton Rome Airport di Fiumicino. A decidere il nuovo presidente della Figc saranno 279 delegati: la Serie A (con il 12% dei voti), la Serie B (5%), la Lega Pro (17%). Stessa soglia assegnata alla Lega nazionale dilettanti (34% dei voti). Pesano notevolmente anche i voti dei calciatori, il 20%. Ai delegati dei tecnici, invece, spetta esattamente la metà dei calciatori: il 10%. C’è infine il voto degli arbitri che pesa soltanto il 2% del totale. Sarà eletto presidente al primo turno chi ottiene tre quarti dei voti, al secondo chi ne ha due terzi, al terzo scrutinio basta la maggioranza assoluta dei voti.

Torna in alto