Cefalù: «Tracce di donna» fra parole ed esperienze

Memoria e cultura per una festa della donna all’insegna di alcune testimonianze al femminile che un gruppo di lettrici hanno portato sul paloscenico del teatro comunale. Un modo nuovo di fare memoria contro la violenza e la discriminazione. Ne è venuto fuori un pomeriggio di riflessione collettiva sotto l’attenta regia dell’attrice teatroterapista Stefania Sperandeo. Ad organizzare l’iniziativa l’associazione Mariposa in occasione della “Giornata internazionale della Donna”. Sul palco a leggere alcune toccanti storie di donne del passato si sono alternate Giovanna Butticè, Giusy De Pasquale, Santa Franco, Maria Giuliana, Daniela Guercio, Antoniella Marinaro, Laura Modaro, Margherita Neri, Mariangela Pupillo, Flora Rizzo, Anna Squillaci. Al pianoforte la pianista Liana D’Angelo che ha eseguito, tra le altre, musiche di Einaudi, Sciostakovich e De Andrè.