Enna, spari contro le finestre di un centro migranti

Diversi proiettili sono stati sparati contro la finestra dell’ingresso di un centro per migranti di Pietraperzia in provincia di Enna. È successo nella notte. I proiettili hanno preso di mira i locali della canonica, utilizzati dall’associazione Don bosco 2000 che ospita 20 migranti. La struttura è aperta da appena una settimana. “I colpi di arma da fuoco – fanno sapere i responsabili del Centro – sono stati sparati dall’esterno ed hanno perforato la finestra ed una porta interna. Fortunatamente nessun ragazzo è stato colpito. Ma i migranti sono tramortiti e spaventati, così come i nostri operatori, impegnati da una settimana nell’accoglienza ed integrazione dei giovani migranti. Questo gesto violento ed intimidatorio ci lascia senza parole ed è probabilmente frutto del clima generato da chi usa il tema della migrazione come terreno di scontro politico”.

I 21 extracomunitari sono ospitati nella casa canonica di via San Giuseppe messa a disposizione in comodato d’uso  dai tre parroci Giovanni Bongiovanni, Osvaldo Brugnone ed Angelo Ventura. L’accoglienza è stata fatta dall’associazione  “Don Bosco 2000” che gestirà la presenza di questi giovani tutti maggiorenni. “Il mondo cattolico – afferma mons. Osvaldo Brugnone – in questo cammino di accoglienza ha dimostrato maturità ed apertura. I nostri gruppi ecclesiali sono tutti disponibili a collaborare con la “Don Bosco 2000”  per inserire i 21 extracomunitari nel tessuto sociale e cittadino. Abbiamo dato una disponibilità di volontariato affinché trionfi il principio della solidarietà e della fratellanza”.