Cefalù: settimana dello screening nelle scuole

Ogni anno tre bambini, apparentemente sani ogni 100.000, vengono colpiti da morte improvvisa. Il Rotary Cefalù, con il lavoro del proprio socio dottor Giuseppe Narbone e l’attività di volontariato dei dottori G. Cammalleri, T. Cipolla, A. Di Grande e R. Torcivia (per la redazione dei referti conclusivi), sta portando avanti un progetto di screening nella 5ª elementare e 1ª media dell’Istituto Comprensivo Nicola Botta di Cefalù, che a oggi ha coinvolto quasi 150 studenti. La morte improvvisa si manifesta nel 10-15% dei casi durante l’attività fisica, e nel 90% dei casi è riconducibile a cause cardiache che potrebbero essere individuate preventivamente attraverso un elettrocardiogramma.

Per questa ragione, lo screening è importante: aiuta a individuare i soggetti a rischio, che altrimenti potrebbero non scoprire mai di essere potenzialmente candidati a un avvenimento tanto drammatico fino al suo verificarsi.  Dal 2015 il Rotary Club Cefalù, è impegnato in questa attività di prevenzione e sensibilizzazione nella scuola di Cefalù e occorre tenere presente, infatti, che è proprio a scuola che i bambini trascorrono gran parte del loro tempo e che, dunque, tra le attività statiche e le discipline sportive, potrebbero stare male. Circa l’1% dei bambini e dei ragazzi che arrivano al Pronto Soccorso Pediatrico nel nostro Paese, presentano un pregresso evento sincopale o pre-sincopale che, in alcuni casi, può precedere la morte. Grazie a questa attività di servizio, sarà possibile individuare in alcuni bambini, la presenza di anomalie elettrocardiografiche rivelatrici di malattie cardiache a potenziale rischio di sincope e/o morte cardiaca improvvisa, annullando il rischio dell’eventuale morte improvvisa.