Incendio sul traghetto: paura per una coppia di cefaludesi che si recavano a Livorno

Incendio nel locale motori della nave Cruise Ausonia della Grimaldi Lines, mentre era in viaggio da Palermo a Livorno. A bordo, fra i 262 passeggeri anche due cefaludesi. Paura fra i passeggeri quando nella notte, attorno alle 3.30, circa tre ore dopo la partenza l’imbarcazione si trovava a 18 miglia da Ustica. Gli uomini dell’equipaggio hanno circoscritto il rogo. Da Palermo in soccorso dell’equipaggio in avaria sono arrivate le navi della Capitaneria di Porto e dei vigili del fuoco che hanno controllato le condizioni di sicurezza dei locali. Sul posto anche anche una nave della Gnv in navigazione. 

“Un grande dispiegamento di mezzi per supportare la nave con i motori in avaria è stato deciso perché inizialmente non sapevamo se sarebbe bastato l’ausilio del rimorchiatore – spiegano dalla Capitaneria di Poto di Palermo – Perciò in caso l’unico motore funzionante della Ausonia cruise non fosse riuscito  portare a destinazione la nave abbiamo deciso di dirottare la Majestic per trasbordare in caso i passeggeri a bordo. Il rimorchiatore sarebbe servito solo se il secondo motore della nave non fosse partito. Appena la nave Ausonia Criuse si troverà nei pressi del porto di Palermo  faremo ritornare la Majestic sulla rotta di Civitavecchia”.

A bordo della Cruise ci sono 262 passeggeri e 85 persone dell’equipaggio e dello staff che stanno bene e stamattina hanno fatto colazione. Intanto a  causa del vento di scirocco le condizioni del mare rendono abbastanza complicato il rientro nel porto di Palermo.  Si dovranno accertare le cause dell’incendio che saranno al centro di un’inchiesta della Capitaneria di Porto che verrà avviata,  non appena il traghetto attraccherà al porto di Palermo.

Ore 15:30, Aggiornamento:
Comunicato Capitaneria di Porto di Palermo: La nave “Cruise Ausonia” è a poche miglia dal porto di Palermo, in navigazione con mezzi di propulsione propri, scortata dalle unità della Guardia Costiera, CP401, CP876, CP2201, CP303, il rimorchiatore Paul, a cui si è aggiunta l’unità della Guardia di Finanza, G118 Inzucchi. Il viaggio di rientro in porto, seppur a velocità ridotta, non ha presentato alcun problema, né per la nave né, tantomeno, per i passeggeri a bordo, assistiti e continuamente aggiornati sull’evoluzione dei fatti dall’equipaggio del traghetto. Tra pochi minuti è previsto l’arrivo del convoglio in rada davanti l’imboccatura del porto, dove l’unità si fermerà il tempo necessario affinchè un team di esperti possa salire a bordo per valutare la condizione del locale motori interessato dall’incendio e verificare che non sussistano altri elementi di pericolo. Successivamente la nave entrerà in porto dove, effettuato lo sbarco dei passeggeri, sarà sottoposta ad ulteriore e approfondita visita ispettiva in seno all’inchiesta formale avviata dalla Capitaneria. Si riserva di comunicare ulteriori notizie sull’evoluzione del soccorso.