Seb e Kimi: da ieri fatti progressi, ma non abbastanza

SEB (P4, 16 giri, 1’14’’970 con Hypersoft, partirà con Ultrasoft):

“Ero piuttosto soddisfatto del mio primo run in Q3, ma sapevo che per battere le Red Bull avrei avuto bisogno probabilmente di un paio di decimi. Così ho cercato di spingere di più nel mio ultimo tentativo e non ha funzionato, il giro non era tanto diverso dal precedente, ma non del tutto pulito, ed ho perso un po’ di tempo in alcuni punti. Questa è una pista in cui l’efficienza aerodinamica probabilmente non è così importante; si cerca di usare più carico aerodinamico possibile e si è visto che eravamo veloci nel primo settore, ma perdevamo tempo altrove. Ad ogni modo domani sarà una lunga gara e penso che la strategia e la gestione delle gomme saranno la chiave del successo”.

KIMI (P6, 20 giri, 1’15’’330 con Hypersoft, partirà con Ultrasoft):

“Oggi il feeling generale con la vettura era migliore rispetto a ieri; abbiamo fatto progressi ed è una cosa positiva. In qualifica, in alcuni giri il comportamento era buono in alcuni punti e in altri giri in punti diversi, per cui era difficile mettere insieme il tempo. Sembrava molto più semplice questa mattina, in condizioni più fresche. Di certo queste qualifiche non sono state le più facili, ma delle volte le cose vanno così. Senza dubbio sarà una gara lunga e difficile. I tre top team partiranno con le stesse mescole, per cui vedremo come andrà. C’è un tratto molto lungo dal via alla prima staccata; cercheremo di fare una bella partenza e di stare lontano dai guai. Di solito la prima curva è piuttosto stretta e “movimentata”: se riesci a passarla bene, fa una differenza enorme. Poi si vedrà quello che accadrà in gara. La gestione delle gomme sarà il punto chiave”.