Turista muore dopo essere stata colpita da un albero in un bosco delle Madonie

Una turista australiana è morta ieri al Civico di Palermo dove era stata ricoverata un mese fa dopo essere stata colpita da un labero mentre con il marito si trovava all’interno di un bosco nei pressi di Geraci Siculo. La coppia di australiani di Melbourne, erano arrivati in Sicilia per un tour dal nome “La Sicilia nascosta”. Un viaggio che, come racconta Romina Marceca su Repubblica, era stato proposto alla coppia, amante della natura, da un tour operator. La passeggiata nel bosco delle Madonie è finita, però, in tragedia. Diane Palmer, ginecologa di 67 anni era stata colpita il primo ottobre da un albero caduto all’interno del bosco a pochi chilometri da Geraci. Sotto accusa, sin dai primi momenti, sono finiti i lavori di alcuni forestali che, quella mattina, stavano segando i pini. La procura ha aperto un’inchiesta.

“Sentivo alcuni rumori in lontananza – ha raccontato il marito della vittima, medico chirurgo in pensione – a un certo punto ho visto un grosso albero cadere accanto a me, e mi sono accorto che aveva colpito mia moglie”. L’uomo da oltre un mese è rimasto accanto alla moglie ricoverata prima all’Ismett e poi all’ospedale Civico. La coppia è stata assistita sin dalle prime battute dell’indagine dagli avvocati Alessandro Palmigiano e Raffaele Bonsignore.

Dopo l’incidente, il corpo forestale regionale ha consegnato una relazione, acquisita dai carabinieri, in cui ha dichiarato che il cantiere era segnalato. “Ma è arrivato un uomo ad aprirci il cancello”, ha ribadito il marito della donna. La coppia, quel giorno, era sola. La visita non era guidata. Dopo l’incidente la donna è stata dichiarata dai medici in gravi condizioni per i traumi alla testa. Poi la situazione si è aggravata fino alla morte di ieri. La procura di Termini Imerese ha aperto un fascicolo per il reato di lesioni gravissime che, adesso, sarà riformulato in omicidio colposo. Si indaga per comprendere se quel cantiere era stato segnalato e se fossero state adottate tutte le misure di sicurezza.