Vincono Juventus, Napoli e Inter

Il 2018 calcistico si chiude con il ritorno al gol di Higuain, decisivo nel portare al Milan una preziosa vittoria per avvicinarsi nuovamente al quarto posto. La partita dei rossoneri si mette però in salita perchè al 13′ Petagna, aiutato da una deviazione di Romagnoli, supera Donnarumma con un sinistro dal limite. Il Milan riesce però a riportarsi subito in pareggio, grazie a un violento sinistro di Castillejo, ma deve aspettare fino al 64′ per trovare il raddoppio. A completare la rimonta ci pensa Higuain, tornato al gol dopo due mesi dall’ultima marcatura in campionato. Nel finale miracolo di Donnarumma su colpo di testa di Fares e ingenuità di Suso, che prende il secondo giallo e sarà costretto a saltare la trasferta in Arabia Saudita per la Supercoppa contro la Juventus del prossimo 16 gennaio.

LA JUVENTUS CHIUDE L’ANDATA A 53 PUNTI
Una partita molto bella, vivace e combattuta fino all’ultimo secondo vede i bianconeri imporsi per 2-1 sulla Sampdoria. Decide una doppietta di Ronaldo, che sale a 14 gol stagionali, confermando il completo inserimento del fuoriclasse portoghese nel nostro torneo. Il numero 7 bianconero sblocca subito la partita con un diagonale di destro che inganna Audero al 2′. I liguri pareggiano poco dopo la mezz’ora con un rigore trasformato da Quagliarella e concesso dopo ricorso al Var. L’attaccante della Sampdoria trova così la via del gol per la nona partita di fila. Al 65′ altro rigore per fallo di mano, questa volta a favore della Juventus e realizzato da Ronaldo. Nel recupero gran gol di Saponara che mette il pallone di sinistro dal limite all’incrocio, ma la sua posizione iniziale di fuorigioco porta il Var ad annullare la rete.

DOPO JUVENTUS E INTER VINCE ANCHE IL NAPOLI
Vincono le prime tre della classifica, cosicchè l’anno si chiude con le distanze invariate in vetta alla graduatoria della Serie A TIM, dove si stacca leggermente la Lazio. Il Napoli prevale sul Bologna al termine di una partita tirata fino alla fine, col gol del 3 – 2 di Mertens arrivato vicino al gong. Gli azzurri vanno avanti due volte con Milik (al 16′ risolve in mischia, al 51′ di testa), ma il Bologna si riporta in parità con Santander al 37′ e con Danilo all’80’ (anche qua ancora due colpi di testa). A due minuti dallo scadere arriva la vittoria firmata da Mertens, che sorprende il portiere con un tiro dal limite che si infila sul primo palo.

L’INTER RAFFORZA IL TERZO POSTO
L’Inter passa a Empoli e allunga sulla terza in classifica, la Lazio, fermata sull’1-1 all’Olimpico dal Torino. Si rafforza la lotta per il quarto posto con i biancocelesti tallonati ora da un quartetto di squadre racchiuse in due punti, in attesa della sfida di questa sera tra Milan e Spal che potrebbe avvicinare maggiormente i rossoneri. L’Inter invece vola via dall’ultima piazza disponibile per la Champions e pare destinata a una lotta serrata per il terzo posto col Napoli, appena superato nello scontro diretto a San Siro. Al Castellani i nerazzurri corrono pochi rischi, anche se Provedel nel primo tempo non corre mai seri pericoli, se non su una conclusione dal limite di Politano. Nel secondo tempo Keita va a segno una prima volta in fuorigioco, poi dal limite, in girata, trova il gol che decide il match al 72′. Nei restanti minuti gli ospiti potrebbero raddoppiare, ma i tentativi di Icardi e Politano trovano sempre la risposta di un ottimo Provedel. Da segnalare la particolare sfortuna di Iachini, costretto a tre cambi per infortunio, due nel primo tempo e uno nella ripresa.

LA ROMA VINCE AL TARDINI
La Roma si avvicina al quarto posto della Lazio vincendo contro il Parma 2 – 0. I giallorossi sono ora a due soli punti di distanza dai “cugini”, nel mucchio di formazioni impegnate nella lotta al quarto posto, ultimo utile per entrare in Champions League. Dopo un primo tempo di studio i giallorossi alzano il ritmo e passano nella ripresa. Al 58′ la sblocca Cristante con un tocco su angolo di Under, lo stesso numero 17 giallorosso, il migliore dei suoi, la chiude a un quarto d’ora dalla fine con un rasoterra di sinistro da centro area.

AL CHIEVOVERONA LO SCONTRO DIRETTO COL FROSINONE
Lo scontro diretto sul fondo della classifica se lo aggiudica il ChievoVerona, che si impone 1 – 0 sul Frosinone grazie al gol segnato da Giaccherini al 76′. I padroni di casa già nel primo tempo erano andati a segno, ma la rete di Pellissier era stata annullata dal Var per ostruzione di Radovanovic sul portiere avversario. Nel secondo tempo il gol su punizione dell’ala gialloblù alimenta i sogni di salvezza del ChievoVerona, che con Di Carlo in panchina, nelle ultime 7 partite, ha strappato pareggi importanti contro Napoli, Lazio e Inter, rimediando solo una sconfitta. Al rientro dalla pausa i gialloblù sono attesi all’Allianz Stadium dalla capolista.

ILICIC TORNA A CASA COL PALLONE DELLA PARTITA
Ancora una tripletta per Ilicic, che poco più di due mesi fa aveva bagnato il suo ritorno da titolare dopo un lungo infortunio con tre reti segnate al Bentegodi. Oggi, sempre in trasferta, lo sloveno ne ha rifilati 3 al Sassuolo, nel largo successo della sua squadra al Mapei Stadium. L’attaccante dell’Atalanta torna così a casa per la seconda volta con il pallone della partita, il Nike Merlin, consegnato a fine gara al calciatore che realizza più di due gol in una gara.