Caccamo: approvato il Bilancio di Previsione 2019-2021

La Giunta Comunale approva lo strumento di programmazione finanziaria.
Grande soddisfazione dell’Assessore al Bilancio Prof. Giuseppe Pedalino e del Sindaco Nicasio Di Cola per l’importante obiettivo raggiunto. Il primo cittadino dell’antico borgo afferma: “nonostante le mille difficoltà, la contrazione delle risorse da trasferimenti e la perdurante crisi finanziaria che attanaglia tutte le piccole comunità del meridione, siamo riusciti, in poco tempo, ad elaborare e definire il principale strumento di programmazione dell’attività amministrativa. Non posso – continua il Sindaco Di Cola – che essere compiaciuto per quanto è stato fatto. E’ chiaro che, anche per una piccola comunità come la nostra, i bisogni da soddisfare e le cose da fare sono tante, ma con l’approvazione del Bilancio 2019-2021 si pone un ulteriore tassello nel percorso di risanamento dei conti intrapreso da questa Amministrazione. E’ ovvio che, qualora dovessero, come auspichiamo, ritenendo che ce ne sono le condizioni, pervenire nuove entrate ne sapremo fare, sicuramente, buon uso.
Voglio ringraziare l’amico Prof. Giuseppe Pedalino per l’impegno profuso, il grande senso di responsabilità manifestato, l’indubbia competenza e la grande passione profusa nella redazione del Bilancio.
Nonostante la spada di Damocle di un Piano di Riequilibrio Finanziario restrittivo, sottoposto a verifica semestrale della Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti, che consente pochi spazi di manovra e agibilità, siamo riusciti, riferisce l’Assessore Pedalino, grazie all’impegno, al buon senso ed alla collaborazione di tutti, ad elaborare un documento di programmazione capace di assicurare, ai cittadini caccamesi, i servizi essenziali in tutti gli ambiti di operatività dell’istituzione comunale.
E pue vero, comunque, aggiunge l’Assessore Pedalino, con rammarico, che i disavanzi provenienti dalle gestioni passate gravano, pesantemente, sulla manovra finanziaria appena approvata, non consentendo, nonostante la buona volontà dell’Amministrazione, causa il taglio obbligato delle spese in alcuni Settori in cui si articola l’intervento amministrativo, di dare ulteriori e più concrete risposte alle tante richieste che promanano da più parti.
Nella consapevolezza del particolare momento e nell’ottica di approntare misure idonee al contenimento della spesa, continua l’Assessore, è stata programmata, e in tal senso sono state date specifiche direttive agli Uffici competenti, una consistente riduzione dei costi della politica, che passa, anzitutto, dal taglio delle indennità spettanti al Sindaco, agli Assessori ed al Presidente del Consiglio comunale.
Le economie che ne scaturiranno saranno destinate a servizi a favore della comunità.
Particolare attenzione è stata posta, impinguando i relativi capitoli di spesa, al Settore Sociale e a quello della Pubblica Istruzione. Risorse sono state, altresì, destinate alla manutenzione delle strade interne e degli edifici pubblici, in un’ottica di ripristino della viabilità e di recupero e decoro urbano.
Obbiettivo prioritario dell’Amministrazione è quello del rilancio, nel panorama regionale, nazionale e non solo, della conoscenza dei Tesori dell’antico Borgo Chiaramontano e, in particolare, del Castello feudale più grande di Sicilia tra storia, leggende e vita vissuta. In tale prospettiva, si sono destinate risorse alla promozione turistica e programmate iniziative tese a rilanciare l’immagine di una Caccamo nuova e protesa al turismo, all’enogastronomia di qualità ed alla fruizione delle tante bellezze architettoniche e monumentali che insistono sul territorio. Quindi, arte cultura e turismo, nella splendida cornice di quella che è stata definita la “mitica Cartagine di Sicilia”, quale volano di crescita e di rilancio dell’economia locale.
Siamo certi, conclude l’Assessore Pedalino, che tali scelte favoriranno l’avvio di un percorso positivo e virtuoso, che genererà ricchezza e consentirà, di certo, il recupero dell’intero territorio e concrete occasioni occupazionali.