La Settimana Santa in Cattedrale. Gli orari

Nella Settimana Santa la Chiesa celebra i misteri della salvezza portati a compimento da Cristo negli ultimi giorni della sua vita, a cominciare dal suo ingresso messianico in Gerusalemme. Il Tempo quaresimale continua fino al Giovedì Santo. Dalla Messa vespertina «nella cena del Signore» inizia il Triduo pasquale, che continua il Venerdì Santo «nella passione del Signore» e il Sabato Santo, ha il suo centro nella Veglia pasquale e termina ai Vespri della Domenica di Risurrezione.

Abbiamo celebrato la Domenica delle Palme e della passione del Signore

Questa sera, MARTEDì 16 APRILE, ore 18.30,  Preghiera presso l’Edicola Votiva dell’Addolorata in Via Nicola Botta

Messa del Crisma in Cattedrale: MERCOLEDI’ ORE 18.00

La Messa crismale, che il vescovo concelebra con i presbiteri delle diverse zone della diocesi e durante la quale benedice il santo crisma e gli altri oli, è considerata una delle principali manifestazioni della pienezza del sacerdozio del vescovo e un segno della stretta unione dei presbiteri con lui.

Messa vespertina del Giovedì Santo «nella cena del Signore»: GIOVEDI’ ORE 18.00

Con la Messa celebrata nelle ore vespertine del Giovedì Santo, la Chiesa dà inizio al Triduo pasquale e ha cura di far memoria di quell’ultima cena in cui il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, amando sino alla fine i suoi che erano nel mondo, offrì a Dio Padre il suo Corpo e Sangue sotto le specie del pane e del vino e li diede agli apostoli in nutrimento e comandò loro e ai loro successori nel sacerdozio di farne l’offerta.

Venerdì Santo «nella passione del Signore».

LITURGIA DELLA CROCE ore 18.

ALLE ORE 20 LA PROCESSIONE DEI MISTERI

In questo giorno in cui «Cristo nostra pasqua è stato immolato», la Chiesa con la meditazione della passione del suo Signore e sposo e con l’adorazione della croce commemora la sua origine dal fianco di Cristo, che riposa sulla croce, e intercede per la salvezza di tutto il mondo.

Sabato Santo: VEGLIA PASQUALE ORE 22

Il Sabato Santo la Chiesa sosta presso il sepolcro del Signore, meditando la sua passione e morte, la discesa agli inferi e aspettando nella preghiera e nel digiuno la sua risurrezione. Oggi la Chiesa si astiene del tutto dal celebrare il sacrificio della Messa.

Veglia pasquale «nella notte santa»

Per antichissima tradizione questa notte è in onore del Signore e la veglia che in essa si celebra commemorando la notte santa in cui Cristo è risorto è considerata come madre di tutte le sante veglie. In questa veglia infatti la Chiesa rimane in attesa della risurrezione del Signore e la celebra con i sacramenti dell’iniziazione cristiana.

(Dalla lettera circolare della Congregazione per il Culto “Paschalis sollemnitatis”. Per la Messa del Crisma: CEI, Premesse, in “Benedizione degli oli e dedicazione della chiesa e dell’altare”).