Polizzi: Pino Lo Verde, il sindaco amato da tutti gli italiani

Da 78 giorni è entrato nel cuore degli italiani facendosi voler bene perché combatte la burocrazia che ostacola il lavoro onesto dei cittadini. Era il 12 febbraio quando il sindaco di Polizzi, Pino Lo Verde, installava una tenda fra la neve di Piano Battaglia per richiamare l’attenzione sulla strada chiusa da tredici anni che collega il suo paese con la seconda località sciistica siciliana. Da quel giorno il primo cittadino di Polizzi è entrato lentamente dapprima nel cuore dei polizzani, che ne hanno apprezzato il gesto, e lentamente in quello dei siciliani e degli italiani tutti. Alla sua storia, infatti, si sono lentamente interessati tutti i giorni, giornali, radio e le televisioni d’Italia. 

La storia del sindaco che trascorre i fine settimana sotto la tenda a Piano Battaglia entra nella casa di tutti gli italiani. Dopo alcuni giorni Lo Verde per alzare ancora di più l’attenzione sulla vicenda della strada chiusa che blocca lo sviluppo di Polizzi si incatena in piazza provocando un’altra reazione positiva dei media che arrivano nel paese da ogni parte. 

Il 27 febbraio, dopo quindici giorni di protesta, la Regione siciliana finanzia un intervento in tempi brevi per riparare la strada. Arriva un milione e mezzo per la messa in sicurezza della strada. La novità, però, non basta a tranquillizzare il sindaco di Polizzi. Lo Verde sposta il suo ufficio sotto la tenda da Piano Battaglia alle porte del suo paese. La tenda viene collocata accanto all’abbeveratoio del Carmine dove inizia la strada che conduce a Piano Battgalia. La tenda diventa un luogo di riscatto per tutta la comunità di Polizzi e Lo Verde vi trascorse alcune ore delle sue giornate lavorative al Municipio. I polizzani si avvicinano ancora di più al loro sindaco. 

La storia della strada sembra passare nel dimenticatoio da parte delle Istituzioni. Lo Verde non si ferma. Con alcuni imprenditori edili del suo comune studia come riparare il tratto di strada che non consente ai lavoratori di Polizzi di raggiungere le proprie campagne. Alcune ditte si dicono disponibili a riparare gratuitamente la strada. Lo Verde scrive due vuole alla Provincia per annunciare l’intervento gratuito. Nessuno risponde. Il 24 aprile convoca giornali, radio e televisioni e annuncia a tutti che alcune ditte edili di Polizzi stanno riparando il tratto di strada che non consente ai lavoratori di Polizzi di raggiungere in sicurezza le loro campagne. La strada viene livellata e per tanti cittadini di Polizzi è un vero e proprio sollievo. Non romperanno più le loro auto e soprattutto potranno circolare sulla strada con meno preoccupazioni. Non la pensa così l’ex Provincia di Palermo, oggi città metropolitana, che invia una denuncia contro ignoti ai carabinieri di Polizzi. Chi ha riparato quella strada? Perché lo ha fatto? Chi ha tolto i cartelli che ne annunciavano la pericolosità? La strada è sicura?

Lo Verde non ci sta e torna a far conoscere la storia a tutta l’Italia. Al sindaco che ripara gratuitamente la strada e che viene denunciato si interessa ancora una volta tutta l’Italia. A Polizzi arrivano le più importanti testate giornalistiche d’Italia. Nella sola giornata del 30 aprile Polizzi entra nelle case degli Italiani attraverso Agorà di Rai tre, Matrix di Canale 5 e l’informazione pomeridiana di La7. La storia del sindaco di Polizzi torna ancora una volta di attualità. Lo Verde diventa sempre di più il sindaco amato da tutti gli italiani.

Lo Verde non si ferma. Fa conoscere il suo paese e si schiera a fianco dei cittadini che sono stanchi di vedersi bloccare dalla burocrazia. La storia di Polizzi è la storia di tanti comuni italiani il cui sviluppo è bloccato dalla burocrazia. Polizzi diventa il simbolo del riscatto di quei comuni bloccati dai burocrati che trascorrono le loro giornate dietro le scrivanie. Lo Verde diventa il sindaco del riscatto di quanti non ci stanno più a vedersi bloccare da chi non fa nulla per risolvere i problemi della gente. Il primo cittadino di Polizzi entra nelle case dell’Italia dal nord al sud, da Bolzano a Pantelleria. Tutti lo conoscono e lui con umiltà, forza e coraggio va avanti. Dice che non si fermerà, che andrà avanti e, soprattutto, se ne starà a fianco dei suoi cittadini stanco di vederli mortificati da quella burocrazia che sta fermando ogni sviluppo costringendo i giovani a scappare e lasciare le Madonie e la Sicilia.

Di quanto sta facendo il sindaco di Polizzi ne parlano un po’ tutti in Italia. La giornata del 1° maggio su Rai uno si è aperta all’insegna del sindaco di Polizzi. Franco Di Mare nel suo editoriale di 10 minuti a Uno Mattina Rai ha parlato proprio del Sindaco e di Polizzi Generosa.