«Attenzione alle malattie contagiose»: allerta del ministero della salute

A darne notizia con una nota è il Ministero della Salute. Morti per morbillo in aumento in Europa. Nei primi due mesi del 2019 in Europa sono stati segnalati 34.300 casi di morbillo. Sono stati 13 i decessi correlati al morbillo in tre paesi (Albania, Romania e Ucraina). La maggioranza dei casi è stata notificata dall’Ucraina, con oltre 25.000 casi. Alla data del 28 marzo 2019, la regione europea dell’OMS ha segnalato in totale 83.540 casi di morbillo e 74 decessi correlate per il 2018. Numeri in aumento rispetto ai 25.869 casi e 42 decessi nel 2017, e 5.273 casi e 13 decessi nel 2016.  

«Il morbillo – scrive il Ministero della salute» è una malattia virale altamente contagiosa. Rimane una delle principali cause di morbilità e mortalità fra i bambini piccoli a livello globale, nonostante la disponibilità di un vaccino sicuro ed efficace». La trasmissione interpersonale avviene per via aerea, e per contatto diretto o indiretto con le secrezioni (nasali, della gola) di una persona infetta. Il virus può causare epidemie diffuse se sono presenti numerose persone suscettibili. Nonostante l’implementazione di misure di risposta all’epidemia, il morbillo continua a circolare nella regione europea, a causa delle coperture vaccinali sub-ottimali e delle lacune nello stato immunitario della popolazione. Se le attività di risposta all’epidemia non sono immediate e complete, il virus troverà altri gruppi di individui vulnerabili e potenzialmente potrebbe diffondersi ad ulteriori paesi all’interno e all’esterno della regione europea. 

Non esiste un trattamento antivirale specifico per il morbillo e la vaccinazione è l’unico modo per prevenirlo. Epidemie di morbillo si stanno diffondendo in altre zone del mondo, come nelle Filippine, in Thailandia e negli Stati Uniti, dove si pensava che la malattia fosse stata debellata. Lo scorso mese l’Unicef aveva pubblicato un rapporto in cui scriveva che negli ultimi otto anni oltre 20 milioni di bambini non sono mai stati vaccinati contro il morbillo, e questo potrebbe essere uno dei motivi per cui le epidemie si stanno diffondendo così in fretta.

I sintomi iniziali del morbillo, che generalmente si manifestano 10-12 giorni dopo l’infezione, includono febbre alta, naso che cola, occhi arrossati, tosse e piccole macchie bianche all’interno della bocca. Alcuni giorni dopo, inizia l’eritema cutaneo sul viso e sulla parte superiore del collo che gradualmente si diffonde verso il basso. Un paziente generalmente è infettante da 4 giorni prima dell’inizio dell’esantema cutaneo a 4 giorni dopo la comparsa dell’esantema.